Eventi
31 January 2020 | di Andrea Zaliani

8 Lancia da comprare ad Automotoretrò

Dopo la top ten dedicata alle migliori Fiat da acquistare in fiera, ecco un’accurata selezione delle migliori Lancia presenti a Torino

Ci sono Lancia davvero speciali, capaci di esercitare ancora oggi un fascino ammaliante. Stratos, 037 e Delta S4. Basta evocare i loro nomi per far battere forte i cuori di moltissimi appassionati, di tutte le età. Vetture tanto belle quanto esclusive, visto che i “fortunati” possessori sono un numero decisamente esiguo. Proprio per questo, nella selezione di oggi, dopo una doverosa citazione, il nostro Gaetano si è concentrato su auto belle e possibili. La prima della lista? Una Fulvia 1.3 seconda serie del 1971, con all’attivo circa 42mila chilometri, proposta a 4800 euro. Prezzo simile (intorno ai 5mila euro) anche per il secondo modello della clip, una Fulvia GT decisamente ben conservata.

Dalla Fulvia alla Beta. Più precisamente una Beta berlina 1600 del 1978, color azzurro metallizzato. Esteticamente ben tenuta si è appena sottoposta a un tagliando meccanico (costato intorno ai 2mila euro) per tornare a macinare chilometri su strada dopo un lungo periodo di inattività. Documenti e targhe originali, 42mila chilometri percorsi. Offerta a 6900 euro. E che dire della Delta GT i.e. del 1990? Oltre alla vernice e alla selleria originale, un ulteriore peculiarità capace d’impreziosire il valore della vettura è data dalla presenza del tettuccio apribile, un accessorio difficile da trovare su un’auto di questo tipo. La sua valutazione è di 5200 euro.

Un modello speciale per una ricorrenza speciale. Uno dei compleanni festeggiati ad Automotoretrò 2020 (e non solo) è il settantesimo della mitica Aurelia. Noi abbiamo deciso di omaggiarla proponendovi un esemplare decisamente particolare, completamente da restaurare ma dotato di un fascino tutto suo. E poi, ancora Delta. Se la GT i.e. di prima non vi soddisfa in pieno, vi potete sempre concentrare su una Delta integrale, completamente originale. In questo caso, però, dovrete staccare un assegno più corposo: 35mila euro. Molto interessante pure la Fulvia coupé 1.3 del 1975, esposta in condizioni perfette. Dulcis in fundo, una prima serie, in livrea bianca. Impossibile non inserirla nelle nostre preferenze.

Condividi
COMMENTI