Lancia

Auto
01 giugno 2018

Quando Lancia e Fiat dominavano le corse

Per una Lancia campione del mondo con la Stratos nel 1972, 1974, 1975 e 1976 rispondeva una Fiat con la 131 Abarth nel 1977, 1978 e 1980. I due marchi italiani si contendevano il primato assoluto nei rally, ma era una lotta fratricida perché entrambi appartenevano al Gruppo torinese. Ecco perché, nel 1978, venne creata una squadra corse unificata, sotto l’egida dell’Ente per l’Attività Sportiva Automobilistica (A.S.A.): un nuovo dipartimento – con sede in corso Marche, a Torino, nei locali dell’Abarth – dove vennero uniti i reparti sportivi di Fiat e Lancia coordinati da una struttura organizzativa capace di favorire la completa identificazione tra i successi agonistici e quelli industriali e commerciali. La responsabilità dell’A.S.A. andò nelle mani di Cesare Fiorio, mentre Daniele Audetto divenne il direttore sportivo della squadra unificata; sopra di loro c’era un Comitato per l’Attività Sportiva Automobilistica, presieduto da Nicola Tufarelli (all’epoca direttore del Settore Automobili del Gruppo Fiat) e composto da Renzo Avidano, Oddone Camerana,...
Redazione Ruoteclassiche
Auto
22 maggio 2018

La Delta che non ti aspetti

Ecco la storia particolare di una Delta HF Turbo diversa da tutte le altre: una storia unica firmata Zagato. Prendi una Delta HF Turbo a due ruote motrici. All'epoca (correva la metà degli Anni 80 da bere) era in qualche modo una scelta alternativa e raffinata rispetto alle GTI fighette, vedi Volkswagen Golf  GTI o Peugeot 205 o le svergognate come Kadett GSI e Ritmo Abarth. Di lei esiste anche una versione che, anche se non è una Integrale, potrebbe strappare una quotazione interessante e fuori dai parametri il prossimo 23 maggio all’asta Bolaffi. Si tratta di un esemplare di colore bianco ma con particolari leggermente diversi da tutte le altre e che la rendono unica: la targhetta Zagato e il primo intestatario, Andrea Zagato.  Un esemplare normale che venne regalato dalla Famiglia al giovane Andrea nel 1985, che la personalizzò in molti punti. Nulla di trascendentale, ma abbastanza per renderla diversa da tutte. L’auto ha avuto tre soli proprietari...
Luca Pezzoni
Auto
15 maggio 2018

Le 10 auto italiane da tenere (o mettere) in garage

Dalla Brera alla Thesis passando per la 4C. Ecco una selezione di auto tricolori, dalle youngtimer a quelle ancora a listino, che potrebbero tra vent’anni far gola a tanti. Unica regola del gioco, escludere supercar, auto troppo costose e marchi troppo nobili Basta scorrere i pareri online sui social, piuttosto che buttare l’occhio a fondi di investimento o discussioni di appassionati: indovinare o almeno discutere di quali siano le auto contemporanee o ancora appartenenti alla categoria “usato” che potranno far gola in futuro rimane un grande argomento di discussione. Abbiamo deciso in redazione di iniziare un viaggio per nazione, si parte con l’Italia poi sarà il turno di Germania, Giappone, Francia e così via, alla ricerca se non di certezze almeno di una selezione. Con un caveat, che si tratti di Italia piuttosto che di Germania eliminare dai giochi le supercar conclamate, auto in edizione limitatissima o one off e tutte quelle che per altri motivi è scontato che siano...
Luca Pezzoni
Auto
10 maggio 2018

[Separate dalla nascita] Citroën CX e Lancia Gamma, quanto si somigliano?

Avrebbero dovuto essere sorelle “ufficiali”, praticamente gemelle, invece un accordo economico e industriale andato ben presto in fumo le ha fatte nascere a distanza di due anni l’una dall’altra. A guardarle oggi si ritrovano stilemi molto, molto simili. Stiamo parlando della Citroën CX e della Lancia Gamma. Per raccontare la loro storia parallela occorre fare un passo indietro. Quando la Casa di Chivasso venne assorbita nel 1969 dalla Fiat, era già attivo da un anno l'accordo PAR.DE.VI (Partecipation et Developement Industrieles) con Citroën. I piani delle Case. Il progetto era molto ambizioso e avrebbe dovuto portare, di lì a cinque anni, alla totale complementarietà delle gamme Autobianchi, Citroën, Fiat e Lancia, con una forte condivisione tecnico-industriale e con una profonda integrazione a livello commerciale. Nell’accordo era previsto che ogni marchio avrebbe dovuto coprire un determinato segmento di mercato, con la sua identità, senza alcun tipo di sovrapposizione. Occasioni perdute. Fu in quest’ottica che venne completato lo sviluppo delle Citroën GS,...
Gaetano Derosa
Auto / News
10 febbraio 2018

New Stratos: torna un mito ma farà discutere

Non sarà una Lancia e nemmeno una replica, ma una reinterpretazione basata su un concept non ufficiale presentato nel 2011. Frutto dell'accordo tra MAT e un imprenditore tedesco sarà costruita in 25 esemplari. Il debutto a Ginevra, a prezzi e motore ancora ignoti Nel 2011 aveva fatto scalpore e ora uno scarno comunicato congiunto rilasciato da Manifattura Automobili Torino (MAT), società torinese specializzata nello sviluppo e produzione di serie limitate che ne ha acquisito i diritti di riproduzione, e New Stratos Gbr annuncia il ritorno della Stratos. O di qualcosa che gli assomiglia molto. Non si tratta di una replica e neppure di una Lancia ufficiale, l'auto sarà basata sul concept del 2011 ideato dall'imprenditore tedesco Michael Stosheck e costruita all’epoca in esemplare unico da Pininfarina. Ora, in virtù dell'accordo firmato dallo stesso imprenditore con la Manifattura Automobili Torino, la New Stratos (questo il suo nome) torna a nuova vita. Il comunicato parla di 25 esemplari che però saranno ampiamente personalizzabili perché sono previste almeno tre...
Redazione Ruoteclassiche
Auto / News
01 febbraio 2018

Asta di Scottsdale, cinque risultati sopra le righe

Alcuni modelli che hanno ottenuto risultati di vendita record nelle prime aste dell’anno e che potrebbero condizionare le rispettive quotazioni future. Nonostante si sia chiusa con un fatturato inferiore del 5% rispetto allo scorso anno, la settimana di Scottsdale ha dato anche segni positivi sul mercato di inizio 2018. Come abbiamo già pubblicato in un recente servizio, si sono pur sempre vendute 2.668 vetture su 3176 in catalogo: l’84% del totale. Sono cifre impressionanti con le quali non si può certo parlare di crisi. Non tutte le auto più attese sono state aggiudicate alle cifre richieste (guarda la Top Ten); molte altre hanno ottenuto quotazioni superiori alla media degli ultimi mesi e anche anni, risalendo nell’indice di gradimento dei collezionisti. Ma ce ne sono alcune che hanno superato le quotazioni raggiunte fino a oggi e che potrebbero condizionare il mercato dei rispettivi modelli nei prossimi mesi. A iniziare da quella che ha ottenuto il miglior risultato in assoluto tra tutte...
Redazione Ruoteclassiche
Auto / News
11 dicembre 2017

Provaci ancora, Prisma

Per la Lancia è un ritorno al classico. Eppure questa berlina sobria ed elegante, nata dalla matita di Giorgetto Giugiaro, non ha mai fatto breccia nel cuore degli appassionati. A torto, perché la compatta a tre volumi della Casa torinese, in realtà, rappresenta qualcosa di più che una semplice "Delta con la coda". Nel mese del suo trentacinquesimo compleanno, vi raccontiamo la sua storia. Chiariamolo subito: non sarà mai un oggetto di culto, nemmeno per i “lancisti” più incalliti. Figuriamoci poi per i meno affezionati alla marca, che tendono a ricordare la Casa fondata da Vincenzo Lancia soltanto per i numerosi successi ottenuti nei rally e nelle gare in pista. Se, infatti, modelli come Fulvia, Stratos, Montecarlo Turbo, Rally/037, Delta S4 e Delta Integrale – complice il loro ricco palmarès – sono conosciuti pressoché da tutti e in tutto il mondo, non si può certo dire lo stesso della Prisma, berlina dal look “acqua e sapone” che ha sempre stentato a farsi...
Redazione Ruoteclassiche
Auto / News
25 ottobre 2017

In pista a Balocco l'italianità dell'automobile

Quasi 50 auto storiche, rigorosamente italiane, si sono date appuntamento, lo scorso weekend, al Balocco Proving Ground di FCA Group per la ventitreesima edizione della Club Italia Cup, una giornata dedicata alla passione per i marchi di Casa nostra e alla competizione. Due le formule andate in scena: la velocità e la regolarità, con la Coppa delle Dame a dare il giusto peso alle quote rosa. Pochi sodalizi, nel nostro Paese, hanno la capacità di rappresentare in modo così significativo il valore della storia dell'automobile italiana come il Club Italia. Vuoi per l'esclusività (negli anni vi hanno aderito personaggi come l'ingegner Mauro Forghieri, l'attore Renato Pozzetto o il rallysta Gino Macaluso), vuoi per le condizioni di ingresso (è necessario dimostrare di possedere una collezione di vetture storiche prodotte in Italia di alto lignaggio storico e collezionistico), vuoi per le iniziative intraprese in campo automobilistico (negli anni 90, in accordo ufficiale con Lancia, si è fatto dedicare una serie speciale - 15 esemplari -...
Alvise-Marco Seno
Auto / News
18 ottobre 2017

Eleganza a Stresa, "Best of Show" a una Lancia Astura Castagna del 1933

È stato un weekend di passione e impegno. Al concorso d'eleganza di Stresa organizzato dal Classic Club Italia, Ruoteclassiche ha avuto l'onore-onere di far parte della giuria. Una quarantina di automobili di tutte le epoche, radunate allo storico Regina Palace, hanno sfilato per il pubblico. La Lancia Astura Torpedo Gran Sport Castagna della collezione Lamperti non ha avuto rivali. Si è tenuto nell'affascinante cornice del Lago Maggiore l'undicesima edizione del Concorso d'Eleganza di Stresa, evento clou degli appuntamenti del Classic Club Italia. È il sesto anno che le storiche si incontrano al Regina Palace Hotel per un weekend all'insegna dell'eleganza automobilistica. Una quarantina di automobili, spaziando da una rarissima Rolls-Royce Silver Ghost carrozzata Griffith del 1923 a una Ferrari 400i del 1983 (rara versione con cambio meccanico), hanno riempito i giardini di uno dei più prestigiosi alberghi della cittadina piemontese, di fronte alle Isole Borromee, e sfilato per il pubblico con l'appassionata descrizione di Franco Ronchi, Socio Fondatore e Presidente del Registro Touring Superleggera. Se -...
Alvise-Marco Seno
Auto / Eventi / News
29 novembre 2016

Milano AutoClassica, un'edizione col botto

Grazie al traino della sontuosa asta Duemila Ruote la prima edizione autunnale di Milano Autoclassica supera il risultato dello scorso marzo. Case ufficiali, musei e istituzioni nazionali, rivenditori, ricambisti e qualche club: è stata un'edizione che ha premiato la qualità delle presenze. Al centro del parterre la straordinaria esposizione delle più significative Lancia di sempre per i 110 anni. L'edizione 2017 si terrà nel mese di novembre. La "Winter Edition" di Milano Autoclassica ha retto l'impegno di una seconda edizione annuale (la prima edizione è andata in scena a fine marzo) in un panorama sempre più ricco di eventi del settore e, soprattutto, a soli trenta giorni dalla tradizionale kermesse di Automotodepoca. Lo scorso weekend oltre 60.000 visitatori, il 18% in più rispetto all'edizione primaverile, hanno visitato i padiglioni di RhoFiera e assistito alla forsennata asta organizzata da RM Auctions (oltre 70 milioni di euro di controvalore complessivo), con 817 lotti battuti per tutto il weekend. Oltre alla formula ("non solo una festa...
Alvise-Marco Seno
Carica altri articoli