Eventi
23 maggio 2019 | di Andrea Zaliani

Grand Road Venezia-Montecarlo, dopodomani al via la 1ᵃ edizione

Meno due giorni alla prima edizione della Grand Road Venezia-Montecarlo, un’inedita manifestazione riservata alle supercar moderne (costruite dall’82 in poi). Un percorso di mille chilometri tra incantevoli location italiane, il circuito di Monza e il glamour di Montecarlo.

Tutto pronto per la prima edizione della Grand Road Venezia-Montecarlo. Si tratta di un’inedita competizione turistica sperimentale, organizzata dalla Scuderia Mantova Corse e dedicata al mondo delle supercar moderne (costruite dal 1982 in poi). Un originale viaggio di circa mille chilometri che si svolgerà dal 30 maggio al 2 giugno, attraverso location incantevoli e un autodromo storico, per chiudere in bellezza con l’arrivo sulla piazza più glamour di Montecarlo. “Dopo tanti anni nell’ambiente dell’automobilismo storico come organizzatori del Gran Premio Nuvolari, abbiamo pensato di confezionare un inedito format” hanno commentato gli ideatori della Grand Road: Claudio Rossi, Luca Bergamaschi e Marco Marani. “Un prodotto capace di regalare l’opportunità ai possessori di supercar moderne di godere delle potenzialità e del comfort delle proprie vetture e, allo stesso tempo, delle bellezze del territorio italiano”.

Si parte da Venezia. Giovedì 30 maggio i partecipanti si raduneranno presso il Tronchetto, l’isola artificiale della Laguna, per le tradizionali verifiche tecnico-sportive di rito. La partenza vera e propria della kermesse avverrà nella mattinata di venerdì 31 maggio, quando i vari equipaggi lasceranno la Serenissima per affrontare la prima tranche del viaggio: una tappa di 400 chilometri, da percorrere passando tra le Alpi e i laghi del Nord Italia, dal Parco Naturale dell’Adamello al Passo del Tonale, per chiudere la giornata sulle rive del lago di Como.

Tappa in pista e gran finale a Montecarlo. Dopo la pausa serale il “circus” ripartirà sabato 1 giugno alla volta dell’Autodromo Nazionale di Monza, il luogo ideale per testare in totale sicurezza le (grandi) potenzialità delle vetture. Terminato il frangente adrenalinico tra i cordoli le auto torneranno su strada costeggiando il Lago Maggiore e il Lago d’Orta, per poi dirigersi verso Torino, dove si terrà una serata speciale all’interno del Museo Dell’Automobile. Infine, nell’ultima tappa (domenica 2 giugno) le supercar lasceranno l’Italia, attraverso il Col de La Lombarde, per la sfilata conclusiva sulla Place du Casino, a Montecarlo.

Condividi
COMMENTI