News
09 luglio 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Al via il secondo Master Restauratori Auto d’Epoca

Per il secondo anno consecutivo prende il via il Master Restauratori Auto d'Epoca, il corso dell'Accademia dell'Editoriale Domus dedicato all'affascinante mondo delle auto storiche e da collezione

A scuola di auto d'epoca.In aula e fuori, con visite guidate nei centri di restauro più rinomati del milanese. Saranno in totale tre le settimane di corso che attendono la classe del 2018. Seguiti da un corpo docenti molto variegato, composto dai giornalisti di Ruoteclassiche, da artigiani restauratori e figure di spicco del mondo del collezionismo, i giovani partecipanti intraprendono così un percorso di sicura formazione nel settore delle auto storiche.

Il benvenuto. Ad accogliere gli studenti David Giudici e Carlo Di Giusto, rispettivamente direttore e vicedirettore di Ruoteclassiche, Alfredo Albertini, ex giornalista e ora collaboratore della nostra rivista, e Ariel Atzori, consigliere Asi. Il corso, nato dalla partnership tra Ruoteclassiche e Asi e grazie alla collaborazione con Federperiti, Labocosmetica e Trinchero, si prefigge di fornire ai partecipanti un quadro completo ed esaustivo sull'affascinante mondo del restauro delle auto d'epoca e sull'importanza della loro tutela.

Entusiasmo e passione.C'è tanta voglia di imparare: i ragazzi sono visibilmente emozionati, attenti, pronti a cogliere l'occasione. Prendono appunti, si incuriosiscono, fanno domande. Le prime lezioni, nella mattinata, hanno spaziato tra l'evoluzione dell'architettura dell'automobile, dalla nascita ai giorni nostri, e le prospettive future del mondo del collezionismo. Prima del pranzo i ragazzi hanno poi fatto tappa all'archivio storico di Quattroruote, dove gli archivisti hanno illustrato le modalità e i processi della catalogazione del materiale e della ricerca d'archivio. Nei prossimi giorni il programma si arricchirà di lezioni a carattere più specialistico, con interventi da parte di esperti del settore, e di dimostrazioni pratiche in officina.

Condividi
COMMENTI