Alfa Romeo: la 2900 B Le Mans e la 33 Stradale protagoniste del REB Concours di Roma - Ruoteclassiche
News
04 June 2021 | di Giancarlo Gnepo Kla

Alfa Romeo: la 2900 B Le Mans e la 33 Stradale protagoniste del REB Concours di Roma

Si chiama REB Concours ed è l’acronimo di Roma Eternal Beauties, l’esclusivo concorso d’eleganza che si terrà nella Capitale dal 21 al 23 giugno.

La prestigiosa cornice del Circolo di Golf Roma Acquasanta, il più antico Golf Club in Italia, ospiterà la seconda edizione del Roma Eternal Beauties – The REB Concours. Una kermesse di charme che racconta 70 anni di storia dell’auto con altrettante vetture, prodotte fra i primi del 900 e gli anni 70.
Assegnare il titolo all’auto “Bella come Roma”, in un parterre con 70 partecipanti di altissimo livello sarà la difficile missione affidata ad una selezionatissima giuria, presieduta quest’anno da Gianni Letta: volto noto della politica italiana e giornalista. Inoltre, a seconda delle particolari categorie, ci sono in palio numerosi altri riconoscimenti. Ad esempio, l’attore Michele Placido eleggerà la vettura “più cinematografica”, mentre l’imprenditore Tomaso Trussardi sarà chiamato a scegliere la più bella tra “le italiane”. Invece, sono fuori concorso i due preziosissimi esemplari provenienti dalla Collezione Alfa Romeo, la 8C 2900 B Speciale Tipo Le Mans del 1938 e la 33 Stradale Prototipo del 1967.

Ad un soffio dalla vittoria. Nel 1938 l’Alfa Romeo 8C 2900 è stata protagonista della 24 Ore di Le Mans, con al volante uno dei giganti del motorismo: Clemente Biondetti. La sua linea, affusolata e sinuosa, era opera della Carrozzeria Touring Superleggera, lo storico atelier milanese che insieme alla casa del Biscione realizzò alcune delle più incredibili fuoriserie del XX secolo.
Con una silhouette aerodinamica, questa vettura da corsa poteva toccare i 240 km/h, una velocità elevatissima per l’epoca. Sotto il lungo cofano trovava posto un otto cilindri in linea capace di erogare 220 CV. Durante la gara, la vettura segnò il record sul giro e sfiorò la vittoria: dopo aver conquistato la prima posizione, un guasto costrinse l’Alfa di Biondetti al ritiro. Oggi la 8C 2900 è uno dei modelli più preziosi del Museo Storico Alfa Romeo di Arese.

Bellezza mozzafiato. L’altro gioiello della casa del Biscione che verrà esposto a Roma è la magnifica Alfa Romeo 33 Stradale Prototipo, con carrozzeria in alluminio firmata da Franco Scaglione. Questo esemplare è il capostipite di un modello super esclusivo prodotto in serie limitatissima. In totale sono stati realizzati solamente 18 esemplari: 12 berlinette, equipaggiate con motore V8 da due litri e 230 CV, acquistate da una ristrettissima platea di collezionisti. I restanti telai vennero acquisiti dai grandi nomi dello stile come Bertone, Pininfarina e Italdesign che sulla base della 33 Stradale realizzarono alcune spettacolari concept car divenute iconiche.

Instant Classic. Sul green del Circolo Acquasanta ad accompagnare le auto storiche ci sarà poi la nuova Alfa Romeo Giulia GTAm che farà il suo debutto nel primo evento dell’Italia centrale dopo la presentazione ufficiale, avvenuta a Balocco nel mese di maggio. La vettura farà bella mostra di sé durante la première capitolina nella fiammante livrea Rosso Etna. La Giulia GTAm è un modello a tiratura limitata che verrà prodotta in soli 500 esemplari, rispetto alla Giulia Quadrifoglio si distingue per il motore 2.9 V6 Bi-Turbo potenziato a 540 CV (contro i 510 del modello “di serie”), la cui potenza specifica di 187CV/litro: il valore best in class. L’adozione estesa di materiali ultraleggeri ha consentito una riduzione del peso pari a 100 kg rispetto a Giulia Quadrifoglio. La GTAm accelera così da 0 a 100 km/h in soli 3,6 secondi. Inoltre, il modello beneficia di soluzioni specifiche anche per aerodinamica, assetto e handling. Fattori che lasciano intuire il livello d’eccellenza raggiunto in un progetto che si è avvalso delle competenze della Sauber Engineering e dei piloti del team di Formula 1 Alfa Romeo Racing Orlen: Antonio Giovinazzi e Kimi Räikkönen. L’Alfa Romeo Giulia GTAm onora così la gloriosa tradizione sportiva della Casa del Biscione e rappresenta la massima espressione dello stile e della sportività, due prerogative che caratterizzano il glorioso marchio da 111 anni.

Emozioni, stile e filantropia. Ai partecipanti di questo prestigioso evento, il Motor Village di Roma, dealer di proprietà diretta del Gruppo Stellantis, metterà a disposizione un’Alfa Romeo Giulia e una Stelvio entrambi in versione Quadrifoglio, che potranno essere provati su strada con l’assistenza di driver professionisti. Al di là delle auto e del glamour, il REB Concours si caratterizza anche per un fine benefico: le quote di iscrizione dei concorrenti, insieme a offerte libere da parte di sponsor e visitatori, saranno devolute al Circolo San Pietro: un’antica istituzione di volontariato (nata nella Capitale nel 1869) che raccoglie fondi per i più bisognosi.

Condividi
COMMENTI