Aste / News
04 gennaio 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

All’asta la mini moto di John Lennon

Le auto appartenute ai componenti dei Beatles sono molto presenti nelle aste degli ultimi mesi, con risultati interessanti in termini di quotazioni. L’effetto Fab Four, per esempio, ha portato il 2 dicembre da Bonhams a Londra una Aston Martin DB5 appartenuta a Paul McCartney a superare 1,5 milioni di euro quando la quotazione di mercato non arriva a un milione. Mentre una Mini Cooper S appartenuta a Ringo Starr è arrivata alla cifra di 116 mila euro.

Sulla scia di tanto successo arriva ora in vendita una mini moto Honda Z50A del 1969 appartenuta a John Lennon, il compianto leader del complesso britannico. Si tratta di una mini moto (mai introdotta in Italia) della famiglia Mini Trail Honda costruita per il mercato statunitense, utilizzata come mezzo di trasporto di fortuna da stivare sui grandi camper Usa o sugli yacht. La Z50A appartiene alla seconda generazione di questi mezzi Honda, dotata di un motore di 49cc a quattro tempi e trasmissione semiautomatica. Nel mercato britannico fu introdotta proprio nel 1969.

Lennon la acquistò per utilizzarla nella sua tenuta di Tittenhurst Park, nel Surrey, dove la usò fino al 1971, quando si trasferì negli Usa. Nel 1971 fu venduta all’attuale proprietario che, da allora, l’ha sempre custodita come un cimelio storico. E proprio grazie al fatto di essere stata utilizzata raramente oggi questa mini moto è in condizioni di conservazioni giudicate eccezionali dalla H&H, la Casa d’aste che il 4 marzo 2018 la metterà in vendita. L’incanto si terrà presso il National Motorcycle Museum di Solihull con una stima d’asta non ancora definita.

Non è la prima volta che vanno all'asta mezzi appartenuti a John Lennon: nel 2011 fu messa all'incanto una sua Ferrari 330 GT 2+2 del 1965, ma senza successo: la stima di 120-170.000 euro non fu raggiunta, altri tempi. Secondo gli addetti ai lavori la quotazione finale di questa mini moto potrebbe invece raggiungere la bella cifra di 35.000 euro.

Gilberto Milano

Condividi
COMMENTI