Asta primaverile di Bolaffi, 130 lotti per gli amanti delle motociclette - Ruoteclassiche
Cerca
News
29/05/2024 | di Cesare Sasso
Asta primaverile di Bolaffi, 130 lotti per gli amanti delle motociclette
Torna il 4 giugno la vendita all'incanto di ciclomotori, scooter e motociclette da collezione. Nel catalogo esemplari italiani, britannici e giapponesi, oltre ad alcuni mezzi militari
29/05/2024 | di Cesare Sasso

L’asta di ciclomotori, scooter e motociclette di Bolaffi è da molto tempo un punto di vanto per il dipartimento Passion della casa d’aste guidato da Tommaso Marchiaro. Gli specialisti della vendita all’incanto di Bolaffi riescono spesso a scovare pezzi interessanti da collezioni eterogenee, a cui di frequente trovano una nuova casa. Ogni appuntamento si contraddistingue per una o più chicche, che si tratti di un marchio dimenticato, di uno scooter curioso o di una motoretta dei bei tempi passati. Non fa eccezione l’asta numero 154, che martedì 4 giugno prenderà il via a Torino e in contemporanea live sul sito.

Le giapponesi mai arrivate da noi. Anche in questa occasione Bolaffi cerca infatti di offrire qualcosa di meno visto, e la scelta è dei selezionatori della casa d’aste è caduta sulle scrambler giapponesi degli anni Settanta. Molte si videro l’esportazione in Europa preclusa a causa delle leggi protezionistiche del periodo, pur essendo all’avanguardia e capaci di influenzare, al pari delle coeve alternative europee, i dettami stilistici delle moto tassellate non specialistiche. Nel catalogo sono rappresentate da una Honda CL 77 ottimamente conservata (stima 6-8.000 euro) e da due Suzuki: una 250 Scrambler (stima 5-6.000 mila euro) e una T 250 Hustler (stima 4-5.500 euro).

Missili inglesi e italiani. Buona scelta anche di moto inglesi sportive e da corsa, con una rara Matchless G 50 in condizioni perfette ed equipaggiata con la miglior componentistica disponibile sul mercato per motociclette classiche da corsa (stima 26-30.000 euro), una BSA Rockett III (stima 15-18.000 mila euro) e una Triumph T 150 (15-18.000 euro) con le caratteristiche carenature "letterbox". Le moto italiane anni 40, 50 e 60 sono invece rappresentate da esemplari di Mondial, Parilla e Gilera oltre che da alcuni grandi classici di Mandello e di Borgo Panigale. Tra le Moto Guzzi spicca una 500 GTV (stima 6-8.000 mila euro); mentre tra le Ducati si segnalano le Super Sport 600, 750 e 900.

Il revival dei ciclomotori. Bolaffi è stata tra le prime case d’asta a posare lo sguardo sui ciclomotori d’epoca, un mondo un po’ sottotraccia, ma dove si possono trovare già alcuni filoni di collezionismo ben definiti. Tra tuboni, pieghevoli e minimoto nel catalogo ci sono alcune suggestioni per chi vuole far crescere - o creare ex novo - una piccola (è il caso di dirlo) collezione con una spesa più modesta rispetto alle due ruote full size.

Visibili a Torino. L’appuntamento con l’asta primaverile di ciclomotori, scooter e motociclette di Aste Bolaffi è in programma per martedì 4 giugno allo Spazio Bolaffi di Torino. Per chi vuole esaminarle dal vivo prima di fare un’offerta c’è la possibilità di vederle (tutti i giorni dalle 11 alle 18, con esclusione della domenica). Tutte le informazioni sul catalogo online.

COMMENTI
In edicola
Segui la passione
Giugno 2024
In copertina su Ruoteclassiche di giugno la "mamma" di tutte le Lancia Delta da rally, recentemente restaurata da Miki Biasion. Restauro integrale anche per la Mercedes 2 litri che partecipò alla Targa Florio di 100 anni fa e Test a test per due piccole coupé come la Ford Puma e la Opel Tigra. Oltre a un test esclusivo sui biocarburanti condotto con l'Asi e molto altro ancora
Scopri di più >