Eventi
31 gennaio 2019 | di Paolo Sardi

Automotoretrò, ACI Storico svela i piani per il 2019

Molte le attività presentate da ACI Storico, da Ruote nella Storia alle grandi gare di regolarità, come la Coppa d’Oro delle Dolomiti e la Targa Florio Classica.

Ogni anno ACI Storico si conferma una presenza fissa nelle principali fiere di settore e per il 2019 Automotoretrò segna l’avvio dell’attività per l’annata alle porte. In occasione della kermesse torinese l’organizzazione svela quali sono i suoi programmi, volti - così come stabilito dallo statuto - alla tutela e alla promozione del mondo delle auto storiche e del loro collezionismo.

Alla scoperta dell’Italia. Tra le attività illustrate nello stand al padiglione 2 di Lingotto Fiere meritano una menzione le 12 tappe del calendario Ruote nella Storia. Dietro questo nome si celano eventi regionali di raduno organizzati da club e sodalizi locali nella fantastica cornice di alcuni dei borghi più belli d’Italia. Queste manifestazioni prevedono la possibilità di abbinare una parte culturale, che va alla scoperta delle regioni attraversate, a una sportiva non competitiva, che permette ai partecipanti di cimentarsi con i pressostati durante avvincenti prove di regolarità. Gli eventi prenderanno il via nel mese di marzo per snodarsi poi attraverso l’intera annata, toccando tutto il territorio nazionale.

Dalle Alpi alla Sicilia Restando in ambito regolarità, al di là dell’attività divulgativa che si rivolge pure ai neofiti, anche nella stagione alle porte ACI Storico svolgerà un ruolo di primo piano nell’ambito del Campionato Italiano Grandi Eventi. La sua organizzazione sarà infatti direttamente impegnata in due tra le più importanti manifestazioni della specialità. La prima è la Coppa d’Oro delle Dolomiti, che si svolgerà dal 18 al 21 luglio prossimi facendo base a Cortina d’Ampezzo. La seconda è invece la Targa Florio Classica, che prenderà il via da Palermo il prossimo 10 ottobre per concludersi il 13 dopo aver percorso alcune tra le strade più belle e tortuose della Sicilia.

Condividi
COMMENTI