Catawiki: trenta capolavori Guzzi per l’asta del centenario - Ruoteclassiche
Aste
17 March 2021 | di Gilberto Milano

Catawiki: trenta capolavori Guzzi per l’asta del centenario

La Casa d’aste online più nota in Europa rende omaggio ai 100 anni della Moto Guzzi con una vendita speciale di trenta motociclette classiche. Trenta esemplari che vogliono percorrere i 100 anni di storia di questo marchio nato a Mandello del Lario, in provincia di Lecco, esattamente il 15 marzo 1921.

Era un martedì quando il quando il Cavaliere Emanuele Vittorio Parodi, un imprenditore italiano, e il figlio Giorgio, pilota di aerei durante la prima Guerra Mondiale fondarono insieme a Carlo Guzzi, un meccanico conosciuto da Giorgio sotto le armi, la "Società Anonima Moto Guzzi" per la produzione di motociclette. Da allora la società ha lasciato il segno nell’industria italiana delle due ruote, sia in ambito stradale, sia sportivo.

I grandi classici. Le motociclette proposte da Catawiki ripercorrono i momenti salienti di quella produzione: dalla Moto Guzzi Normale del 1921, la prima vera Guzzi della storia, dotata di motore monocilindrico orizzontale da 500cc e stimata tra i 47.000 e i 52.000 euro secondo gli esperti della Casa d’aste, fino alla Moto Guzzi Norge del 2009, una Gran Turismo di 1200cc stimata tra i 5.200 e i 5.800 euro.

Tra questi due estremi la scelta offre opportunità di acquisto a tutti i gusti e tutti i portafogli. Tra i pezzi da segnalare in particolare:
-Moto Guzzi Normale del 1923, la prima moto della storia dotata di cavalletto centrale, dotata anch’essa del monocilindrico di 500cc che con una potenza di 8 CV poteva raggiungere gli 80 km/h di velocità massima (45.000-50.000 euro);

-Moto Guzzi GT16 500cc del 1933, uno dei modelli di Mandello del Lario più venduti all’epoca, dotata di targa italiana a quattro numeri e libretto originale (21.000-23.500 euro);

-Moto Guzzi Nuovo Falcone 500cc del 1970, il sogno di numerosi motociclisti italiani, costruita in 16.000 esemplari circa dal 1969 al 1976, stimata dai 6.400 ai 7.200 euro. Proviene da un reparto del Ministero della Difesa;

-Moto Guzzi V7 Sport 750cc del 1972, nuovo modello di punta della Casa dotato di motore bicilindrico, una delle moto più desiderate degli anni ’70, stimata tra i 17.500 e i 19.500 euro;

Moto Guzzi V7 GT California 850c del 1973, la cruiser italiana che monta per la prima volta il motore bicilindrico sviluppato dalla Guzzi andando a occupare una fetta di mercato occupato dalle americane Harley Davidson. È stimata 8.800-9.700 euro;

-Moto Guzzi Le Mans I 850cc del 1976. Prima versione della fortunata serie che prende il nome dall’omonimo comune francese della Loira che ospita 24 Ore di Le Mans. Bella e veloce, poteva raggiungere i 200km/h. Unico proprietario, è stimata tra i 20.000 e i 22.000 euro;

-Moto Guzzi Le Mans II 850cc del 1979, presentata dopo tre anni dalla prima serie, riconoscibile dalla caratteristica crenatura, perfettamente conservata nella sua prima vernice, è stimata tra i 9.800 e i 10.800 euro;

-Moto Guzzi Le Mans lll 850cc del 1981, anno della sua prima apparizione sul mercato. È molto diversa sia esteticamente sia tecnicamente dalle due serie precedenti, ha una stima di 9.500-10.500 euro;

-Moto Guzzi Le Mans IV 1000cc del 1992. Quarta serie e nuovo rilancio di questo modello che cambia soprattutto nella cilindrata che sale a 1000cc. La stima per lei è di 9.500-10.500 euro.

L’asta è online e terminerà il 28 marzo. Per ogni informazione visitate il sito Catawiki.

Condividi
COMMENTI