Auto / News
22 aprile 2014 | di Redazione Ruoteclassiche

Chivasso, culla di casa Lancia

Inaugurato nel 1962 e destinato inizialmente alla produzione della “Flavia” e della “Fulvia”, lo stabilimento Lancia di Chivasso, collocato a Est di Torino accanto all’autostrada A4, comprendeva reparti di stampaggio, lastroferratura, verniciatura, montaggio, selleria. La superficie totale dell’area era di 1.225.000 metri quadrati di cui 229.000 coperti.

Nel 1972 venne rinnovato e ampliato il reparto di lastroferratura mentre nel 1980 fu rifatto quello di verniciatura che adottava i più moderni sistemi per la protezione delle scocche. Negli anni Ottanta i dipendenti erano 4400 e si costruivano numerosi modelli (“Delta”, “Prisma”, “Trevi”, HPE” e “Beta Coupé”) per un totale di 550 vetture al giorno. Dell’impianto faceva parte anche una pista di prova di 4,2 km con vari tipi di pavimentazioni sulle quali veniva provata la totalità delle vetture uscite dalla linea di montaggio.

Chivasso fu in attività fino all’estate del 1992, poi passò alla Maggiora che vi costruì la “Kappa Coupé” e la Fiat “Barchetta”. La chiusura definitiva avvenne nei primi anni Duemila, poi l’area venne riconvertita in parte a usi commerciali. Della storica fabbrica resta ora l’alta torre, sulla quale un tempo campeggiava la scritta Lancia.

TAGS Lancia
Condividi
COMMENTI