Cireas: chiuse le iscrizioni per la Coppa Città della Pace - Ruoteclassiche
Regolarità
24 February 2021 | di Giancarlo Gnepo Kla

Cireas: chiuse le iscrizioni per la Coppa Città della Pace

Fervono gli ultimi preparativi per la Coppa Città della Pace, seconda prova del Cireas, il Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche. Appuntamento a Rovereto (TN) venerdì 26 e sabato 27 febbraio, ecco i dettagli.

La “Coppa Città della Pace” è uno degli eventi principali nel panorama italiano delle gare di regolarità. Nel 2021, la manifestazione organizzata dalla Scuderia Adige Sport giunge alla sua 28° edizione e vede la partecipazione di oltre un centinaio di equipaggi, 105 per la precisione, pronti a darsi battaglia a colpi di pressostato. Numeri importanti che confermano il prestigio dell’evento e la vivacità del motorismo storico, anche in un momento difficile come questo.

Prima puntata. La stagione sportiva del Cireas è stata inaugurata lo scorso 6 febbraio con la “Coppa Giulietta e Romeo”. Alberto e Giuseppe Scapolo, hanno conquistato la vittoria del primo evento del Campionato a bordo di una Fiat 508C del 2° raggruppamento, seguiti con un distacco di 41 penalità da Roberto Crugnola e Marco Vida su un’altra 508C. Completano il podio Guido Barcella e Ombretta Ghidotti, in terza posizione scon la Porsche 356 C (4° raggruppamento). Questi tre equipaggi, come tutti i primi nove della classifica, saranno presenti anche nella imminente "Coppa Città della Pace".

Le novità. La Partenza e l’arrivo sono previsti nel capoluogo della Comunità della Vallagarina, con lo start allestito presso l’hotel “Nerocubo”, nelle vicinanze del casello Rovereto Sud. La linea del traguardo è posta invece alla Cantina Vivallis di Villalagarina, che farà da cornice alla premiazione. Le verifiche tecniche si terranno venerdì 26 e manifestazione avverranno nel rispetto delle norme di distanziamento anticontagio.
Il percorso si articola lungo 182 chilometri, con 60 prove cronometrate. Una novità di questa edizione è il passaggio in Val di Ledro, con la sosta per il pranzo a Dro, al ristorante “Da Alfio”

Veterane in corsa. Tra le vetture in gara, due vetture del 1° raggruppamento: la Fiat 514S del 1930 di Fabio Loperfido e Alessandro Moretti e la Abc Gran Prix del 1928, di Darren Morcombe e Chiara Montalbetti.
Nel 2° raggruppamento, quattordici automobili, tutte degli anni Trenta: la Fiat 514 Mille Miglia di Luca Patron e Steve Clark; otto Fiat 508C, quelle di Alberto Aliverti e Giacomo Lamperti, Andrea Belometti e Caterina Vagliani, Alberto e Giuseppe Scapolo, Roberto e Mario Crugnola, Alberto e Federico Riboldi, Riccardo Riboldi e Boltolino Bortot, Matteo Belotti e Ingrid Plebani; cinque Lancia Aprilia, degli equipaggi Ezio Sala e Gianluca Cioffi, Lorenzo e Mario Turelli, Giuliano Cané e Giuliana Gallina, Gianmario Fontanella e Alessandro Malta, Enrico Scotto e Cristina Biagi.

Onore al merito. Nel quarto raggruppamento spicca la Porsche 356 dagli stessi Guido Barcella e Ombretta Ghidotti, vincitori 27a edizione. Nell’elenco figurano anche le vetture degli altri sette raggruppamenti previsti, insieme a sette automobili “moderne”, che concorrono in una classifica dicata. Anche quest'anno, la miglior vettura anteguerra classificata verrà premiata con un'opera di Luisa Bifulco, intitolata "La Strada del Vino".

Condividi

Bacheca

COMMENTI