Aste / News / Personaggi
10 febbraio 2015 | di Redazione Ruoteclassiche

Collezione Baillon: tutti i prezzi delle belle addormentate

Record per la Ferrari California Spider di Alain Delon e successo senza precedenti per le 59 vetture fantasma ritrovate nella campagna francese dopo 44 anni.

Che ci sarebbe stata bagarre era prevedibile: si trattava pur sempre dell’auto di un divo francese che, sebbene ancora in vita, rappresenta un simbolo importante della Dolce Vita d’Oltralpe, e non solo. Inoltre si giocava in casa, visto che l’asta della Ferrari California Spider del 1961 di Alain Delon si è tenuta a Parigi, all’interno dell’affollatissimo salone di Rétromobile.

Va da sé che messe insieme queste due particolarità, alle quali si è aggiunta la stranezza del ritrovamento della vettura dopo 44 anni, durante i quali ha vissuto abbandonata in un locale che ne ha preservato in qualche modo l’integrità (leggi qui la sua storia), la vettura è stata venduta a Parigi al prezzo record di 16,3 milioni di euro. Una cifra mai battuta non solo per il modello, ma, soprattutto, per una vettura in condizioni non perfette, come si può notare dalla foto. Lo scorso anno una California Spider identica ma in perfette condizioni di restauro è stata aggiudicata all’asta di Gooding & C. a Pebble Beach a “soli” 11,34 milioni di euro.

L’effetto Delon avrebbe quindi portato a un incremento di prezzo di oltre il 40%, ben più alto dell’effetto provocato da un altro divo del cinema appassionato di auto, come il compianto Steve McQueen, per il quale viene calcolato un incremento percentuale del 25% rispetto al valore di mercato su ogni mezzo che è stato posseduto da lui. La Ferrari California Spider di Alain Delon ha superato di 4,3 milioni anche la stima d’asta già alta stabilita da Artcurial, la casa d’aste francese che ha messo all’incanto la vettura: 9,5 – 12 milioni di euro.

La California Spider di Delon non è stata comunque l’unica sorpresa dell’asta di Artcurial tenutasi a Parigi all’interno del Salone Rétromobile. Tutta la Collezione di Roger Baillon, l'industriale francese che ha salvato un gran numero di auto rottamazione tra il 1950 e il 1970, per poi doverle abbandonare a causa del fallimento della sua azienda, è stata venduta. I 59 lotti sono stati tutti aggiudicati a prezzi che hanno superato fino a 10 volte le già elevate stime d’asta, per un totale complessivo di 25,15 milioni di euro, compresi i diritti d’asta (i singoli prezzi di aggiudicazione sono riportati nelle immagini di questo servizio).

Gilberto Milano

Condividi
COMMENTI