Eventi
06 agosto 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Con “Street Show”, Corso Buenos Aires a Milano dà spazio alla passione dei motori

I 1600 metri di Corso Buenos Aires, anima dello shopping milanese, si trasformeranno domenica 16 settembre in un museo a cielo aperto. Ad animare la festa degli appassionati ci saranno supercar, storiche di pregio, street art e performers. Il risultato, uno "Street Show" destinato a unire, fianco a fianco, per 12 ore (dalle 9 di mattina alle 9 di sera), tutte le nostre testate motoristiche: accanto all’ammiraglia Quattroruote, Top Gear, Dueruote, X Off Road, TuttoTrasporti e, naturalmente, Ruoteclassiche.

Quanto è lunga la passione. Il miglio che va da Porta Venezia a piazzale Loreto diventerà un parterre unico e un palcoscenico entusiasmante per rassegne tematiche, esibizioni di performers di strada e musicisti, con aree dedicate a ogni declinazione della passione per i motori. La suddivisione promette già da sola grande varietà: si va dal Motor District, dedicato alle auto moderne, all’Heritage Zone, quella di pertinenza di Ruoteclassiche, che si animerà con la presenza delle vetture storiche provenienti dai principali sodalizi d’Italia, che saranno suddivise in sette categorie individuate e selezionate da una giuria di esperti della redazione per un singolare “Concorso On The Road”, che - nel pomeriggio - vedrà nel ruolo di testimonial premianti alcuni rinomati opinion leader del settore heritage e collezionisti di fama.

Ripartizione in zone. Nella zona di Porta Venezia, una sezione denominata Sport & Luxury Road verrà occupata da supercar e modelli di produzione limitata, capaci di performance da brivido (da 0 a 100 in 3 secondi), nelle loro livree più spettacolari ed esclusive.

Spettacoli per tutta la famiglia. E ancora, distribuiti lungo tutto il Corso, i veicoli “istituzionali” delle forze dell’ordine e di quanti operano in diversi campi al servizio del cittadino. Ai più giovani si rivolgono le sezioni Area Extreme Fun, appositamente allestita per i funamboli di varie discipline: parkour, bike trial, freestyle, e l’Area Kids, dove i più piccoli troveranno di che divertirsi con macchinine a pedali e piste di slot car.

Musica e divertimento. Il tutto immerso in un’atmosfera di festa per appassionati e famiglie, con performers distribuiti lungo l’intero percorso. Qualche esempio? Ci sarà molta musica (con virtuosi delle percussioni e esibizioni dal vivo), l’arte del painting on mud (cioè usare polvere e fango per creare dipinti su lunotti e parabrezza), atleti di strada e divertimento a gogò. Il programma è in costante aggiornamento e si può consultare nei dettagli sul sito Internet dedicato: streetshow.quattroruote.it

Challenge Club by Ruoteclassiche. La Heritage Zone di competenza della nostra testata ospiterà tre vetture per ciascuna delle 7 categorie indicate indicate sotto e selezionate da una giuria di qualità, composta dagli esperti della redazione, personaggi e collezionisti d’eccezione:

1 - Anteguerra. Le indimenticabili, Costruite entro il 1945,le vetture candidabili sono auto“di produzione”, con qualsiasi tipologia di carrozzeria.

2 - Fuoriserie. L’estro dei carrozzieri. Rappresentano l’espressionepiù alta dell’ingegno e della creatività dei carrozzieriitaliani del passato, nell’arcotemporale che va dalle originidel motorismo agli anni 70.

3 - Sportive. Il brivido della velocità. I modelli che incarnano il concetto di sportività, con forme plasmate per la massima efficienza su strada: sono candidabili soltanto le vetture omologate e costruite fino al 1970.

4 - Scoperte. Col vento tra i capelli. Rappresentano il concettodi “dolce vita” all’italiana, automobili icone dello stilee del piacere di guida. Sono ammesse vetture di serie costruite tra gli Anni 50 e gli Anni 70.

5 - Giardinette. Quando lo spazio si prende la coda. Per viaggiare più comodi,per caricare i bagagli o per lavoro, sono le “Giardinette” o “Familiari”, primi esperimenti di funzionalità che hanno dato vita alle moderne station wagon (dagli anni 40 agli anni 70).

6 - Utilitarie. Hanno messo in moto l’Italia. Prime e seconde auto che hanno messo gli italiani in automobile; sono le testimoni di un pezzo fondamentale dello sviluppodel motorismo nel nostro Paese (dagli Anni 40 agli Anni 70).

7 - Youngtimer. Le storiche del futuro. Sono le “auto da collezione”di domani, perché espressionedi grande estro e ingegnoanche nell’era della produzione di massa (dal 1980 al 2000).

Nel corso dello straordinario evento Street Show, verrà svelato l’ordinedi piazzamento delle sette terzine e saranno assegnati i premi per ogni categoria. Il concorso è realizzato in collaborazione con Eni.I partecipanti riceveranno un welcome kit e le auto in concorso godranno di un servizio di “light detailing” offerto da Ma-Fra.

Condividi
COMMENTI