Auto / Eventi / News
16 giugno 2015 | di Redazione Ruoteclassiche

Concorso d’Eleganza Pininfarina, vince la Florida 1

Per la sua voglia di vincere sempre, Eddy Merx, il campione di ciclismo belga degli anni 70, era stato nominato il “cannibale”. Corrado lo Presto, molto più elegantemente di Merx, non dichiara mai di essere animato da ansie di vittoria e quando partecipa a un concorso di eleganza lo fa con la signorilità e l’umiltà dell’appassionato vero. Un po’ “cannibale” però lo è anche lui. Non parteciperà per vincere, ma a conti fatti vince quasi sempre lui. È successo così anche a Torino lo scorso sabato 13 giugno, in occasione del primo Concorso di eleganza di Pininfarina che si è svolto al Castello del Valentino di Torino.

Tra i cinquanta capolavori di Pininfarina, portati nel cortile del castello da altrettanti collezionisti giunti da ogni parte del mondo per festeggiare l’85° anniversario del marchio torinese, la sua Florida 1 del 1955 si è aggiudicata il premio Best in Show. La giuria internazionale composta da vari esperti del settore (Andrea Militello, designer Ferrari; Karim Habib, responsabile del Design BMW; Silvia Baruffaldi direttore di Auto&Design; Richard Heseltine editorialista di Octane magazine UK; Fabio Filippini Direttore Design di Pininfarina, guidati da Pascal Raffy Presidente di Giuria e Presidente di Bovet 1822) l’ha definita “il modello del 1955 che più di ogni altro esprime la bellezza senza tempo tipica della firma Pininfarina”.

Riconoscimenti anche alla Cisitalia 202 di Gino Coen (1947), che si è aggiudicata il premio per la vettura più elegante, il Bovet Award for the Most Elegant Car; mentre alla Ferrari 212 Inter Cabriolet del 1952 è andato il Chairman’s Award. Il Concorso d’Eleganza Pininfarina, è stato uno dei momenti più significativi del festival dell’auto che si è svolto a Torino dall’11 al 14 giugno, insieme alla parata celebrativa delle automobili più belle di sempre che si è svolta domenica 14 giugno da corso Massimo d’Azeglio fino alla Reggia di Venaria passando per il centro di Torino (vedi articolo).

Condividi
COMMENTI