Auto / News
10 marzo 2015 | di Redazione Ruoteclassiche

Così si smantella il sei cilindri boxer di una Porsche Carrera 3,2

Come è fatto il sei cilindri boxer di una Porsche 911 Carrera 3,2 litri? Quanti componenti vengono utilizzati? E come si compongono uno con l’altro? La complessa operazione viene illustrata in questo affascinante video-documento che, partendo dalla fine, ovvero dal motore completo, procede a ritroso smontando componente per componente fino a ridurre il sei cilindri a pezzettini indivisibili. E tutto questo in 25 secondi di puro godimento.

Il sei cilindri boxer è stato il motore delle 911 Carrera dal 1983 al 1989, portando la potenza massima a 231 CV rispetto ai 200 di potenza del 3,0 litri che lo aveva preceduto. Grazie all’incremento di potenza, ai regimi di rotazione più bassi e a una coppia molto più elevata, la 911 Carrera 3,2 poteva essere guidata in modo più rilassato, godendo anche di un rumore più contenuto nell’abitacolo. A 200 km/h il 3,2 litri girava a 5000 giri/minuto. Anche il peso è molto contenuto, tanto che il 3,2 litri poteva anche essere ospitato senza modifiche anche nel vano di una 911 del 1964.

TAGS porsche
Condividi
COMMENTI