Eventi / News
29 marzo 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

[Dove andiamo nel weekend] Pasqua e Pasquetta al museo…

Per Pasqua e Pasquetta vogliamo rispettare la tradizione della classica gita con famiglia. Ma in questo caso non sarà fuoriporta, dato che l'attività agonistica, come pure quella dei club si concede una pausa per le feste: confidiamo che troviate voi dove far "scorrazzare" la vostra storica (e magari la vostra griglia da picnic). Quello che invece vi proponiamo è una bella visita tra i più prestigiosi musei dell'automobile italiani.

Vi invitiamo comunque a chiedere preventivamente conferma degli orari di apertura direttamente alle rispettive strutture. Trovate i recapiti anche telefonici nei link indicati.

MUSEO DELL'AUTOMOBILE (Torino). Aperto a Pasqua e Pasquetta

Tre piani a disposizione dei visitatori, con altrettanti percorsi espositivi diversi: "Automobile e il 900" (secondo piano) - La visita inizia da qui: 21 sale, su 3600 metri quadri, raccontano come l’automobile è nata, si è sviluppata e diffusa, di pari passo con l’avanzare del ventesimo secolo. "Automobile e uomo" (primo piano) - Otto sale per 3800 metri quadrati complessivi di esposizione per approfondire da cosa è costituita veramente un’auto. "Automobile e Design" (piano terra) - Quattro monitor racconteranno le storie dei più grandi carrozzieri italiani, ma anche l’industria dell’auto, la società e un mondo in continua evoluzione, che ha visto cambiare le tecniche, i mercati e i mestieri. Spazio anche alle scuole di car design di tutto il mondo, alle testimonianze e alle speranze dei giovani creativi, talenti emergenti, giovani realtà che si stanno facendo largo nel mondo dell'e quattro ruote. Tra le rassegne tematiche temporanee, ricordiamo "Rosso Fioravanti" (fino al 23 settembre). Aperto tutto il weekend di Pasqua, con i seguenti orari: sabato 31 marzo, dalle 10 alle 21; Pasqua e Pasquetta, dalle 10 alle 19. Info dettagliate qui.

MUSEO BONFANTI-VIMAR (Romano d'Ezzelino - VI). Aperto il lunedì di Pasqua

Struttura espositiva nata nel 1991, sede di mostre tematiche temporanee molto diverse tra loro, ma anche di incontri culturali e corsi di formazione per specialisti delle due e delle quattrouote d'epoca. Tra i motivi di maggior interesse la “Galleria del Motorismo, Mobilità e Ingegno Veneto - Giannino Marzotto”, rassegna dedicata a oltre mille anni di primati e primatisti nazionali e mondiali nel campo della scienza, della tecnica e dell’umanistica. Eccezionalmente aperto il solo giorno di Pasquetta, con orari 10-12 e 14-18. Maggiori dettagli qui.

MUSEO NICOLIS (Villafranca di Verona). Aperto il lunedì di Pasqua

Centinaia di automobili, moto, biciclette in esposizione permanente. Ma anche motori, aerei, volanti, strumenti musicali e di scrittura. Sede di rassegne e giornate a tema che propongono una panoramica a 360 gradi sull'evoluzione dei mezzi di trasporto (e più in generale, dell'ingegno umano) degli ultimi due secoli. Qualche esempio? Settant'anni vespa, un secolo di macchine fotografiche Leica, le penne Aurora, cent'anni di Futurismo, Isotta Fraschini, sartoria d'epoca. L'elenco completo e le informazioni dettagliate qui. Aperto il lunedì di Pasqua, con orario 10-18.

MUSEO FERRARI MARANELLO (MO). Aperto tutto il weekend di Pasqua

Nel tempio del Cavallino, l'occasione di ammirare da vicino le più grandi ed esclusive icone della storia del marchio. Ma anche l'opportunità di visitare due mostre temporanee che faranno sicuramente breccia nel cuore di appassionati e tifosi. La prima, dedominata “Under the Skin” (“Ferrari nel profondo”), allestita in collaborazione con il Design Museum di Londra, propone una panoramica sullo sviluppo creativo e ingegneristico di Ferrari, attraverso una serie di vetture eccezionali; una sorta di sguardo inedito a ciò si nasconde dietro la loro bellezza esteriore. La seconda, "Rosso infinito" si propone di celebrare i 70 anni di storia del Cavallino Rampante grazie ad alcune delle creazioni più esclusive di Maranello per la pista e per la strada:  dalla 500 F2, con cui Alberto Ascari vinse il primo titolo mondiale piloti di Ferrari nel 1952, alla F2004, la Rossa che ha vinto più gran premi nella storia (15 come la F2002). Solo per restare in ambito "classico", tra le granturismo esposte, alcune rappresentanti immortali della famiglia 250, come la 250 GT Berlinetta “Tdf”, che ha dominato le corse nella seconda metà degli anni 50, e la sua evoluzione 250 GT Berlinetta SWB. Fino a 31 marzo, dalle 9.30 alle 18; dal 1° aprile, con orari 9.30-19. Info dettagliate qui.

D.T.

Condividi
COMMENTI