Gli alfisti riuniti a Balocco nel nome di Giorgio Pianta - Ruoteclassiche
News
29 September 2021 | di Matteo Sartori

Gli alfisti riuniti a Balocco nel nome di Giorgio Pianta

Il Club Alfisti Veneto, presieduto dall’inesauribile passione di Federico Squarcina, ha organizzato in terra piemontese (tra il 25 e il 26 settembre) il 2° Memorial Giorgio Pianta, in onore dell’indimenticato protagonista del motorismo internazionale e stratega di alcune tra le più importanti vittorie Alfa Romeo in Italia e nel mondo.

La cerimonia in onore di Giorgio Pianta si è svolta alla presenza della moglie Lodovica e del figlio Alberto, oltre a circa quaranta Alfa Romeo di tutte le epoche riunitesi sotto i cieli carichi di nuvole ed elettricità sulla pista di Balocco.
Un connubio tra passato e presente che ha dato spazio alle muscolose GTA, d’epoca e moderne. In tal senso è stata molto apprezzata Giulia Quadrifoglio dell’Arma dei Carabinieri in servizio presso il Gruppo radio mobile di Milano. Così come è stato acclamato un esemplare di Alfa 75 Turbo America, un pezzo che ha mandato in corto circuito gli amanti delle youngtimer.

Nanni Galli e Centenaire. In mezzo a tanti modelli del Biscione, tra gli appassionati e i curiosi ha suscitato notevole sensazione la GT Tecno “Nanni Galli”, una sportiva brutale dalla tiratura limitatissima ideata dal compianto Nanni e da Fulvio Maria Ballabio della Montecarlo Engineering. La “Nanni Galli”, così come la sua antesignana “Centenaire” nata dal genio del leggendario Carlo Chiti, è stata realizzata facendo largo impiego di fibra di carbonio e può essere considerata una vettura laboratorio. Sotto il cofano si nasconde comunque un potente motore Alfa Romeo V8. Un prototipo senza fronzoli insomma, come piace agli Alfisti.

La rappresentanza ufficiale. In un evento improntato alla passione verace, priva di filtri e formalismi, la presenza di Francesco Flamini, responsabile Marketing Alfa Romeo Italia, di Francesco Maione, responsabile Eventi Alfa Romeo Italia e di Emiliano Usai di Stellantis ha aggiunto un tocco di ufficialità ad un incontro che nella figura di Giorgio Pianta ha trovato la sintesi di un motorismo ancora capace far brillare gli occhi di tanta gente nelle piazze.

Condividi
COMMENTI