Regolarità
07 settembre 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Gran Premio Nuvolari 2018: una settimana al via

I semafori verdi si accenderanno tra sette giorni esatti. Ecco cos'ha in serbo la ventottesima edizione della corsa, appuntamento clou del Campionato Italiano Grandi Eventi Regolarità Auto Storiche 2018.

Una gara di respiro internazionale. Saranno oltre 300 gli equipaggi al via del Gran Premio Nuvolari 2018. Il weekend del 14, 15 e 16 settembre vedrà esibirsi le vetture di ben 43 marchi automobilisitici:dalle italiane Maserati, Fiat, Lancia, Alfa Romeo, OM e Ferrari alle inglesi Triumph, Jaguar, Aston Martin e Bentley; dalle statunitensi Ford, Chrysler e Chevrolet, alle tedesche Mercedes, BMW e Porsche, fino alle esclusivissime francesi firmate Ettore Bugatti.Venti i paesi rappresentati, un record di questa edizione: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Italia, Lussemburgo, Messico, Olanda, Polonia, Principato di Monaco, Repubblica Ceca, Russia, Singapore, Spagna, Svizzera. Organizzata daMantova Corseinsieme aAutomobile Club MantovaeMuseo Tazio Nuvolari, la manifestazione di regolarità è riservata ad automobili d’interesse storico costruite tra il 1919 e il 1972, secondo le normativeF.I.A.,F.I.V.A., ACI Storico eACI Sport.Main Partner della gara, quest'anno, è Maserati; la Casa del Tridente si unisce così a Red Bull (Special Partner),Eberhard & Co. (Official Partner & Timekeeper) e Banca Generali (Official Partner & Private Bank).L’edizione 2018proponeun nuovo percorso di 1.070 km.

Prima tappa.Da Mantova, attraverso la Pianura Padana e gli Appennini, fino alla Riviera Adriatica. Alle ore 11:00, da Piazza Sordello al circuito Nuvolari di Mantova per disputare le prove cittadine prima di proseguire il viaggio per i colli emiliani e arrivare alla Riviera Romagnola. La prima tappa si concluderà con la cena al Grand Hotel da Vinci di Cesenatico.

Seconda tappa.La giornata più intensa del Gran Premio: dopo la partenza da Rimini, i concorrenti attraverseranno le bellezze di Toscana, Umbria e Marche, transitando per i centri storici di Siena, Arezzo, Città di Castello e Urbino e ritorneranno a Rimini. La giornata si concluderà nelle affascinanti sale del Grand Hotel di Rimini per la serata ufficiale in onore di Tazio Nuvolari.

Terza tappa. Per l’ultimo sprint, gli equipaggi partiranno da Rimini per le ultime prove cronometrate, transitando da Cesena, Meldola, Forlì e Faenza, ospiti della Scuderia Toro Rosso. Dopo le prove del Circuito Ariosteo di Ferrara, il rientro a Mantova, città natale di Tazio Nuvolari, dove i vincitori sfileranno sul palco di piazza Sordello.

Maserati Tribute.Una gara nella gara quella che vedrà protagoniste una decina diMaserati costruite tra il 1973 e il 2018. La carovana delle vetture del Tridente sfilerà insieme alle auto storiche tra le strade italiane.

Gli osservati speciali. Innanzitutto l'auto che fu del grande Tazio Nuovolari, la Maserati 6C-34, progettata da Ernesto Maserati secondo le specifiche della nuova formula internazionale che fissava il limite di peso massimo di 750 kg. Nel 1934, al volante della 6C-34, Tazio Nuvolari vinse sul Circuito di Modena e si aggiudicò la Coppa Principessa di Piemonte sul Circuito di Napoli. La vettura n.1 del Gran Premio, appartenente alla Collezione Umberto Panini di Modena, sarà esposta per i tre giorni di gara in piazza Sordello. Sull’equipaggio targato Banca Generali correrà, accompagnato dalla moglie, il testimonial Adriano Panatta, il più grande tennista italiano di tutti i tempi, al volante di una Jaguar XK120 OTS del 1952.Per Eberhard a rimettersi casco e guanti sarà il due volte campione del mondo rally Miki Biasion, che porterà in gara un’Alfa Romeo 1900 C Super Sprint del 1956 navigatoda Mario Peserico, Direttore Generale diEberhard & Co.

Condividi
COMMENTI