News
09 June 2020 | di Nanni Cifarelli

Il 4 luglio Cinquini da tutto il mondo on line

Costretto ad annullare il tradizionale Meeting Internazionale delle Fiat 500 a Garlenda, il Fiat 500 Club Italia ha deciso di celebrare il 63° compleanno del Cinquino, lo stesso, il 4 di luglio, con un Meeting Virtuale.

La 37° edizione del Meeting Internazionale delle Fiat 500 era in programma come sempre nel primo fine settimana di luglio. A causa del Covid-19, gli organizzatori hanno pensato di rimandare il tutto al 2021 ma non si sono persi d’animo, predisponendo grandi festeggiamenti comunque per celebrare il 63° compleanno della mitica vettura italiana.

Appuntamento al 4 luglio. "Stiamo preparando - ha spiegato il direttore del Meeting Alessandro Scarpa - un grande evento al Museo della 500 "Dante Giacosa" di Garlenda che vedrà la partecipazione di autorità, personalità di spicco e personaggi influenti del mondo 500. Il tutto sarà trasmesso sui social, sul sito e su diversi canali televisivi italiani. L’appuntamento è per la sera del 4 luglio e naturalmente sarà possibile interagire da ogni parte del mondo"

A proposito di partecipazione straniera, l'organizzazione ha già anticipato la presenza da remoto di numerosi Club e gruppi di cinquecentisti sparsi nel mondo che si collegheranno per un saluto e un augurio alla mitica 500 nella propria lingua natia. Confermati fin d’ora collegamenti con numerosi Paesi Europei, con l'Australia, l'Uruguay, il Giappone e gli Stati Uniti.

Più vicini con Internet. "Abbiamo deciso di impegnarci in questo nuovo format – ha dichiarato il fondatore del Fiat 500 Club Domenico Romano - per far sentire la nostra presenza in un momento in cui è ancora difficile pensare all'organizzazione di una manifestazione dai grandi numeri come il tradizionale Meeting di Garlenda, che richiama nell'entroterra e nel ponente ligure migliaia di visitatori ogni anno. Poterci comunque vedere per una serata a tema 500, con tanto di interventi culturali e tecnici, sarà un vero piacere. Internet ci permette fortunatamente di stare in contatto anche ora, ed anzi, nel periodo di lockdown è stato determinante per continuare ad essere accanto ai soci e agli amici stranieri!".

Condividi
COMMENTI