Rally
18 gennaio 2019 | di Himara Bottini

Il Milano Rally Show si disputerà a metà giugno

Sarà il fine settimana del 15 e 16 giugno ad accogliere la terza edizione del Milano Rally Show 2019, una manifestazione che si preannuncia ricca di spettacolo, sorprese ed eventi collaterali che entusiasmeranno pubblico e appassionati.

Un format che ha già funzionato nelle due edizioni precedenti, forse perchè non è così comune vedere dei campioni del mondo rally affrontare delle prove speciali in alcuni dei luoghi simbolo, ma soprattutto “inavvicinabili” di Milano. E ha funzionato così bene che i registi delMilano Rally Show stanno già organizzando l’edizione del 2020 a Dubai, con l’obiettivo di valorizzare il già apprezzato “brand” Milano in ambito internazionale, in concomitanza con un evento di portata mondiale quale l’esposizione universale di Expo.

Ospiti d'onore. È stata una conferenza stampa d’eccezione quella che ha presentato l’edizione 2019 del Milano Rally Show alla Pista di Arese. Al cospetto del vice presidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala, dell’assessore allo sport Martina Cambiaghi e di una nutrita schiera di presidenti ACI a sostegno di questa manifestazione, primo tra tutti Geronimo La Russa, sono intervenuti tra gli altri il presidente nonché ideatore del Milano Rally Show, Beniamino Lo Presti, il direttore generale Massimo De Stefano e Pietro Benvenuti, direttore dell’Autodromo di Monza.

Quali saranno le novità dell’edizione 2019? Innanzitutto il luogo di partenza sarà Piazza della Scala. Le location che ospiteranno le prove speciali, oltre alla riconfermatissima Pista di Arese, saranno lo stadio di San Siro, che fungerà anche da quartier generale, parco assistenza e luogo di svolgimento di tutta una serie di eventi collaterali, e l’Autodromo di Monza, che sarà coinvolto direttamente nella sola giornata di sabato 15 giugno. Le novità proseguono poi con la tipologia delle prove speciali: a San Siro per esempio si svolgeranno nella formula dell’uno contro uno; saranno poi coinvolti due giocatori di Serie A, uno portacolore del Milan e uno dell’Inter, che si sfideranno per la prima volta su quattro ruote; il Trofeo BMW, riservato alle vetture della Casa bavarese, farà scendere in campo le giovani promesse del mondo rally con classifica a stralcio dalla generale assoluta, e ancora il Trofeo Driver’s Football Cars coinvolgerà gli appassionati di entrambi gli sport. Chi decide di iscriversi dal primo a 31 marzo, riceverà in omaggio un treno di gomme Pirelli.

Cosa succederà. Ad oggi il programma prevede nella giornata di venerdì 14 giugno ricognizioni e test presso la Pista di Arese, a San Siro e a Monza, con briefing generale ad Arese. La giornata di sabato invece, vedrà allestito il parco assistenza a San Siro, lo svolgimento delle verifiche dalle 8.00 alle 11.00, con la partenza della parata in direzione Duomo e la partenza ufficiale della prima vettura da Piazza della Scala a partire dalle 16.00. Alle 18.00 1° Prova Speciale a San Siro con il tanto atteso testa a testa, ma sarà sempre il tempo impiegato nel percorrere i tracciati di gara a formare la classifica generale. 2° PS ad Arese, che prevede 5 giri di pista, e 3° PS a Monza, con 4 giri lungo un tracciato inedito comprendente sia la pista stradale sia le curve sopraelevate. Dopo un riordino a San Siro si ricomincierà per la 4° PS all’interno dello stadio in notturna, una 5° PS ad Arese e fine dello show. La giornata di domenica 16 giugno infine, vedrà la 6° PS partire alle 10.00 ad Arese, la 7° a San Siro, l’ultima e 8° PS di nuovo ad Arese seguita dal rientro a San Siro con tanto di Master Show e premiazioni dalle 17.30 del pomeriggio.

Anche con le auto storiche. La partecipazione ricalcherà molto probabilmente le linee guida della passata edizione. Sono ammessi un massimo di 50 equipaggi suddivisi tra 35 auto moderne (WRC, R5, e solo in casi particolari e limitati Super 2000) e 15 storiche, tra cui Porsche 911, Lancia Stratos, Lancia 037, Lancia Delta, Fiat 131 Abarth, Ford Escort MKII, Opel Kadett ed eventualmente altre auto che saranno sottoposte al vaglio dell’organizzazione.

Condividi
COMMENTI