Eventi
21 giugno 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Il piccolo genio, a Salerno i giovani incontrano i grandi dell’auto

Si è svolta martedi 19 giugno, presso la Stazione Marittima di Salerno, un interessante convegno (patrocinato da ASI) dove al centro dell'attenzione ancora una volta sono stati i giovani.

Nuove leve. A loro è andato il saluto di diversi nomi illustri che hanno parlato della loro esperienza e del loro successo legato al mondo dell'automobile. Non poteva mancare il Presidente della Commissione Giovani Fabio Di Pasquale che ha parlato della passione per il mondo delle auto d'epoca, rivolgendosi a tanti ragazzi presenti in aula, facendo emozionare addirittura l'ingegner Paolo Pininfarina che lo ha pubblicamente ringraziato.

Tecnici d'eccezione. Emozionato anche l'ingegner Giacomo Caliri, progettista della Minardi F1 degli anni 80 che, parlando del suo incontro con Enzo Ferrari, si è fatto scappare una sana lacrimuccia. Più deciso l'intervento dell'ingegner Nicola Materazzi, Responsabile Ufficio Tecnico Reparto Corse Ferrari dal 1978 al 1990 e progettista della mitica Ferrari F40, il quale ha esposto la sua esperienza nel dar vita ad una delle più belle macchine del cavallino rampante.

La lezione del car designer. Interessante l'intervento dell'ingegner Pietro Camardella, designer Pininfarina dal 1985 al 1991, che ha esposto ai ragazzi una serie di slide illustrative di diversi progetti portati avanti nel corso della sua carriera. E infine non poteva mancare l'intervento dell'ingegner Paolo Pininfarina, il quale si è soffermato molto sullo stile delle automobili del passato, rispettando le origini e l'immenso lavoro svolto dalla blasonata azienda che porta il suo nome, ma illustrando però ai ragazzi le tante opportunità di lavoro sul futuro dell'auto e le nuove sfide a cui andremo incontro.

Una risposta per il futuro. Una bella giornata fatta di passione e di amore per il design e per l'automobile, con risposte concrete a tanti ragazzi che si avviano ad un percorso di studi che li porterà ad essere la classe dirigente del domani.

Condividi
COMMENTI