News / Regolarità
01 May 2001 | di Redazione Ruoteclassiche

IL VERDETTO ARRIVA IN VERIFICA

Grandi emozioni, sino all'ultimo, sulle strade del Sanremo Storico. Il rally infatti è andato a una "BMW 2002", quella di Paolo Duberti e Lucia Dominoni, autori di una splendida prova nella nebbia che ha contrassegnato la seconda tappa.

Dopo una lunga battaglia con agguerrite Lotus e Porsche, Duberti-Dominoni si sono visti consegnare la vittoria su un piatto d'argento, quando non ci speravano più. I primi arrivati, Roberto Arnaldi e Angelo Pastorino sono stati squalificati per un'irregolarità trovata in fase di verifica sulla loro Alfa Romeo "2000 GTV": albero a camme non originale. Grande delusione per Peter Zanchi alla ricerca del quarto successo nel rally. In coppia col figlio Pierfrancesco, all'esordio come navigatore, prima ha dovuto recuperare il tempo perduto in un testacoda, poi è stato fermato dalla rottura di un mozzo della sua Lotus "Elan". Fra i delusi anche Graziano Muccioli (Porsche "911 Carrera") messo fuori causa dalla pompa della benzina, Antonio Bigatti (Alpine "A 110") uscito di strada quand'era secondo, Emanuele Paganoni (Porsche "911") alle prese con le bizze del sistema di alimentazione. Nutrita la partecipazione dei piloti stranieri, ben 21 equipaggi in lotta per l'europeo su 53 al via. Ma il Sanremo non ha perso il vizio di schierare auto dal grande passato collezionistico. La riprova? Le stupende Aston Martin "Le Mans" del 1933 e la Lagonda "Le Mans" 1939 degli elvetici Portmann e Kauffmann, tra le più applaudite e fotografate. Alla gara di regolarità sono iscritti 85 equipaggi, tutti re del cronometro. A vincere sono Gianmaria Aghem e Rossella Conti, su Lancia "Fulvia HF" che, dopo una partenza un poco in sordina (solo quinti al termine della prima giornata), nella seconda tappa impongono il loro ritmo agli avversari, trionfando con largo margine.

Condividi
COMMENTI