Auto / Club / News
11 settembre 2014 | di Redazione Ruoteclassiche

In “500” al “Muretto” di Alassio

Il Fiat 500 Club Italia ha festeggiato il 6 settembre, ad Alassio (SV), i suoi trent'anni di attività. Una colorata carovana di "Cinquini" si è riunita davanti al famoso "Muretto" ed è quindi partita per un giro lungo i vicoli del lungomare, suscitando l'ammirazione e lo stupore dei tantissimi curiosi. Alla guida del corteo c'erano il presidente del sodalizio Stelio Yannoulis, il vicepresidente Sandro Scarpa e il socio fondatore Domenico Romano.

Tra le vetture presenti, la Spiaggina di Mario Berrino (una 500 N del 1958 trasformata in Tipo Jolly Ghia del 1957) al cui volante, per l'occasione, si è messa la figlia Angela, con accanto la sorella Luisella. La vetturetta ha una storia molto particolare: fu acquistata dal primo proprietario, Alfredo Macchi, affezionato frequentatore di Alassio e del Caffè Roma, storico locale della movida ligure. Dovendo lasciare Alassio, Alfredo insistette con Mario Berrino, pittore, patron del Caffè Roma, nonché ideatore del celebre "Muretto", perché "adottasse" la Spiaggina.

L'Auto è così diventata la fedele compagna di Mario, che le ha cambiato diverse volte il colore, seguendo la propria ispirazione d'artista: dal bianco al giallo, dall'azzurro all'attuale rosso. Il proprietario aveva altresì fatto montare sul cofano un falchetto in grado di muovere le ali con l'aumentare della velocità. Nel 2010, Berrino, socio del Fiat 500 Club Italia, ha ottenuto dal Comune di Alassio l'autorizzazione a parcheggiare la propria "500" rossa davanti al suo atelier di via Cavour, in pieno centro storico, come ringraziamento dell'amministrazione cittadina per il lavoro svolto per far conoscere Alassio nel mondo.

Nel corso della serata di gala, Luisella Berrino ha ricevuto da Radio Monte Carlo il Premio Dante Giacosa.

TAGS fiat Fiat 500
Condividi
COMMENTI