News
23 April 2020 | di Paolo Sormani

La storia della Ferrari raccontata in podcast

Chi ama farsi raccontare una bella storia potrà ascoltare “Le origini della leggenda” Ferrari, raccontata in una serie di sette podcast che saranno via via disponibili gratuitamente sulla piattaforma Spotify.

Pazienza se restano chiusi. L’importante è il pensiero, come si dice. E per restare vicini agli appassionati da tutto il mondo che ogni anno li visitano, i Musei Ferrari hanno avuto quello di raccontare loro una bella storia. Anzi, più di una. Perché per narrare “Le origini della leggenda” di Maranello occorre il giusto tempo.

Una primizia. Per la prima volta, la Ferrari offre una serie di podcast attraverso la piattaforma di streaming audio Spotify una serie di podcast, che accompagnerà i ferraristi lungo un viaggio nel tempo di settant’anni. “Le origini della leggenda” è il tema dei sette racconti che, decade dopo decade, ripercorreranno i momenti più salienti e gli aneddoti meno noti della straordinaria storia del Cavallino Rampante.

Il piano editoriale.Le varie puntate prevedono una serie di contenuti che vanno a integrarsi con i contenuti e le informazioni dei Musei Ferrari. Gli appuntamenti saranno 7, con un podcast a settimana (uno per ogni decade) a cui si aggiungono 3 Instagram stories a settimana dedicate a ciascun anno trattato.

Dal principio. L’excursus nel passato inizia nell’immediato Dopoguerra quando Enzo Ferrari fondò il marchio automobilistico Ferrari, il 12 marzo 1947. La prima vittoria della rinata Scuderia Ferrari arrivò alla seconda gara disputata, il Gran Premio di Roma, grazie a Franco Cortese, il primo pilota e collaudatore, al volante della 125 S. Il racconto prosegue nel 1948 con il lancio della celebre Ferrari 166 MM e con il trionfo alla 24 Ore di Le Mans del ‘49, fino ad arrivare ai giorni nostri. Ogni settimana un nuovo episodio arricchirà questo lungo e appassionane racconto, che si potrà ascoltare e condividere su Spotify in lingua inglese, da pc o smartphone, cliccando direttamente qui.

Condividi
COMMENTI