ferrari

Auto
01 giugno 2018

La Ferrari 250 GTO sale a 70 milioni di dollari

Inizia giugno con la notizia che non ti aspetti: una Ferrari 250 GTO sarebbe passata di mano per una cifra record. Il prezzo più alto mai pagato per un’auto Il mese estivo delle classiche inizia con i fuochi di artificio: una  Ferrari GTO del 1963 sarebbe passata di mano per 70 milioni di dollari. A rilanciare la notizia una serie di testate tra le quali FoxNews. Non si tratta quindi di un asta o uno di quegli appuntamenti segnati in agenda e la sorpresa è quindi doppia. Soprattutto, considerando che nel non lontano agosto 2014 un esemplare di GTO era stato aggiudicato per circa la metà, a 38 milioni di dollari, da Bonhams. In questo caso la vendita record riguarda un esemplare ben conosciuto (#4153 GT) esposto in numerosi occasioni e partecipante a gare storiche, che sarebbe finito nel garage di un facoltoso businessman americano. Le informazioni non sono molte al momento, se non che l'auto era stata oggetto di...
Redazione Ruoteclassiche
News / Personaggi
29 maggio 2018

Mauro Forghieri, la nostra videointervista

Continuano i nostri incontri con i Grandi Progettisti italiani che hanno fatto la storia dello sport motoristico. Dopo Nicola Materazzi (febbraio) e Sergio Limone (aprile), sul numero di giugno di Ruoteclassiche passiamo la parola al grande Mauro Forghieri. Personaggio che nell'intervista di quattro pagine che pubblichiamo sulla rivista introduciamo con il titolo "Ingegno e 'furia'", a testimonianza di un'intransigenza nel proprio lavoro che non gli è mai venuta meno. A Maranello ha trascorso 25 anni della sua carriera, negli anni dei grandi successi prima dell'era Schumacher, firmando capolavori come la 330 P4 e la 312 T4 di Villeneuve e Scheckter. Poi in Lamborghini, Bugatti e alla sua Oral Engineering. In questa intervista video ci spiega il suo arrivo alla Casa del Cavallino, i suoi rapporti col "Drake": "Ferrari era il grande capo e io apprezzavo e rispettavo questo fatto, ma il più delle volte era lui che alla fine si convinceva: 'Datti da fare, però non sbagliare'. Lo chiamavo Commendatore,...
Redazione Ruoteclassiche
Eventi / News
28 maggio 2018

[Villa d'Este 2018] Ferrari 335 S, ecco i segreti della "Best of Show"

Il “Best of Show” del Concorso d’Eleganza di Villa d’Este 2018 è andato all'ultima delle quattro Ferrari 335 S costruite dalla casa del Cavallino. Acquistata a Seattle quattro anni fa dall’attuale proprietario, l'austriaco Andreas Mohringer, combina un motore molto potente (390 CV) con una carrozzeria leggerissima (880 kg). Di 335 S la Ferrari ne ha costruite soltanto quattro, tra il 1957 e il 1958. Appena due anni fa, al Retromobile Supercar Show, una di esse - complice un palmarès da far tremare i polsi - è stata battuta all'asta a una cifra superiore ai 32 milioni di euro. Non stupisce più di tanto, dunque, che sulle rive del lago di Como, sin dalle prime battute del concorso, tra le vetture più ammirate figurasse proprio la rarissima vettura Sport di Maranello. Nasce per correre e per vincere, questa barchetta dalle forme morbide e affusolate. All'indomani della 12 Ore di Sebring del 1957, a Maranello si lavora alacremente per spremere più potenza dal 12 cilindri che già equipaggiava le Sport...
Redazione Ruoteclassiche
Aste
03 aprile 2018

In vendita l’auto personale di Gilles Villeneuve

Nella sessione di vendite in programma nel Principato di Monaco in maggio sarà battuta anche una vettura destinata a scatenare le voglie di milioni di appassionati: la Ferrari 308 GTS del più amato dei piloti di F. 1. Tra i colpi messi a segno dalla casa d’aste RM Sotheby’s per l’incanto di Montecarlo in calendario il prossimo 12 maggio se ne è aggiunto in queste ore uno davvero sensazionale per gli sportivi italiani e non: l’auto personale di Gilles Villeneuve. Si tratta della Ferrari 308 GTS del 1978 che lo sfortunato pilota ha guidato dal suo arrivo a Maranello fino alla sua scomparsa l’8 maggio del 1982. Enzo Ferrari non gradiva che i suoi piloti utilizzassero vetture di altri marchi e “imponeva” loro di guidare solo delle “Rosse”, come a suo tempo aveva rivelato anche John Surtess, spinto a lasciare la sua amata BMW 507 (che andrà all’asta al Goodwood Festival of Speed, 12-15 luglio) a favore di una vettura...
Redazione Ruoteclassiche
Garage Band
19 marzo 2018

Seduzione all'italiana

Vedute ischitane, colori artificiosi da Super 8 anni Settanta: tre incantevoli ragazze che salutano la giornata di vacanze italiane su un’Alfa Romeo Giulietta Spider bianca. Obiettivo: irretire l’ormone di qualsiasi maschio a portata di sorriso. La prima vittima è un neo sposo che sta per partire in viaggio di nozze con la moglie su una Ferrari 365 GTB/4 Daytona Berlinetta plexi, come farebbe una coppia italiana ordinaria. È solo l’inizio di una lunga serie che miete un giovane pretino con il chierichetto (perché vanno a messa, come tutti) e tre guaglioni che le portano al mare sulle loro Vespe 50 Special e sidecar. Finiranno per rotolarsi nella terra come cinghiali pur di conquistare l’ambito trofeo teutonico, ma la morale è sempre quella: vedere e non toccare. Come in Formula 1, l’italiano sarà pure capace di un bel giro di pista, ma alla fine il campionato lo vince un tedesco. Strappa un sorriso di compatimento il clip di “Isch liebe disch”...
Paolo Sormani
Aste / Auto / News
08 marzo 2018

Aste, uno sguardo su Amelia Island

Dopo il deserto dell’Arizona di Gennaio e la neve di Parigi  il circo delle vendite all’incanto si sposta in Florida, nell’isolotto di Amelia Island, 22 km di spiagge e pinete a ridosso dell’Atlantico. Ecco alcuni pezzi da novanta in vendita. Si torna al caldo. Un caldo primaverile, tiepido come il mercato delle auto storiche che dopo la puntata mite di Scottsdale e quella gelida di febbraio a Parigi torna Oltreoceano nella speranza di rivitalizzarsi un po’. E di contagiare con una ventata di ottimismo anche le prossime sedute di vendita europee, da Goodwood a Montecarlo. Ad Amelia Island come in Arizona e come a Pebble Beach le tre maggiori Case d’asta internazionali sono presenti con cataloghi di tutto rispetto, anche se questa volta manca la vettura fuoriclasse con quotazioni a otto cifre. La più cara in assoluto tra le 294 vetture proposte da Bonhams, Gooding & Co. e RM Sotheby’s, è una Porsche 911 Carrera RSR 2.1 Turbo Martin Racing...
Redazione Ruoteclassiche
Aste / Auto / News
27 febbraio 2018

Bonhams: all’asta le auto di tre leggende del rock

La Casa d'aste inglese cala un tris d'assi nella vendita in programma il 18 marzo in occasione del Goodwood Members Meeting 2018: tre auto appartenute a tre miti del rock come Paul McCartney, Rod Stewart e Nick Mason. La prossima edizione del Goodwood Members Meeting in Sussex sarà ricordata anche per la presenza di tre leggende del rock. O meglio, di tre delle loro auto che andranno all’asta domenica 18 marzo. Si tratta di tre nomi che insieme potrebbero dar vita a un complesso capace di radunare folle oceaniche ad ogni loro eventuale concerto, due dei quali nominati “Sir” dalla Regina Elisabetta: Sir Paul McCartney dei Beatles e Sir Rod Stewart, ai quali si aggiunge il batterista dei Pink Floyd Nick Mason, quest’ultimo grande appassionato di Ferrari e possessore tra le altre di una 250 GTO. Come si è visto in altre occasioni le leggende del rock fanno moltiplicare le quotazioni delle loro vetture e l’occasione del meeting inglese è...
Redazione Ruoteclassiche
News / Personaggi
18 febbraio 2018

18 febbraio 1898, nasce una stella di nome "Drake"

Il 18 febbraio 1898, esattamente 120 anni fa, nasceva a Modena Enzo Ferrari, uno dei personaggi più eclettici, tormentati e complessi nella storia d'Italia. Tra i padri fondatori dell'automobilismo sportivo, oggi lo ricordiamo proprio attraverso un aneddoto legato alla sua data di nascita, da sempre oggetto di contenzioso. Ferrari all'anagrafe risulta essere nato il 24 febbraio 1898, infatti, e non il 18. A pagina 24 del libro "Ferrari Rex", l'autore Luca Dal Monte - già Direttore della Comunicazione della Maserati dal 2005 al 2015 e responsabile della Comunicazione di Ferrari e Maserati negli Stati Uniti - spiega: «Il vero mistero è quindi capire perché la denuncia sia stata fatta solo sei giorni dopo la nascita quando era obbligatorio farla a poche ore di distanza dal parto. Ma la risposta è contenuta sull'atto di nascita stesso, scritta di proprio pugno dall'Ufficiale dell'anagrafe che, dopo essersi accertato "della verità della nascita", dispensava la "dichiarante", cioè la levatrice, "dal presentarmi il bambino suddetto per motivi di salute"....
Redazione Ruoteclassiche
Auto / News
01 febbraio 2018

Asta di Scottsdale, cinque risultati sopra le righe

Alcuni modelli che hanno ottenuto risultati di vendita record nelle prime aste dell’anno e che potrebbero condizionare le rispettive quotazioni future. Nonostante si sia chiusa con un fatturato inferiore del 5% rispetto allo scorso anno, la settimana di Scottsdale ha dato anche segni positivi sul mercato di inizio 2018. Come abbiamo già pubblicato in un recente servizio, si sono pur sempre vendute 2.668 vetture su 3176 in catalogo: l’84% del totale. Sono cifre impressionanti con le quali non si può certo parlare di crisi. Non tutte le auto più attese sono state aggiudicate alle cifre richieste (guarda la Top Ten); molte altre hanno ottenuto quotazioni superiori alla media degli ultimi mesi e anche anni, risalendo nell’indice di gradimento dei collezionisti. Ma ce ne sono alcune che hanno superato le quotazioni raggiunte fino a oggi e che potrebbero condizionare il mercato dei rispettivi modelli nei prossimi mesi. A iniziare da quella che ha ottenuto il miglior risultato in assoluto tra tutte...
Redazione Ruoteclassiche
News
16 gennaio 2018

Red Passion, gli eroi della Ferrari in 40 scatti

Da giovedì 18 gennaio a domenica 18 febbraio si terrà a Torino l'esposizione fotografica Red Passion, rassegna dedicata agli scatti del fotografo sportivo Gianfranco Avallone, da sempre appassionato di motorsport. Protagonisti saranno i piloti che negli anni si sono avvicendati alla guida delle monoposto Ferrari di Formula 1, tra cui Alain Prost, Gerhard Berger, Jean Alesi, Michael Schumacher, Rubens Barrichello, Felipe Massa e Kimi Räikkönen. La mostra propone un'ampia carrellata di fotografie che Avallone ha selezionato con la collaborazione del figlio Marco e racconta degli anni d'oro della Scuderia di Maranello dal 2000 a oggi. Gli scatti ritraggono le sequenze di gara (e non solo) relative ai gran premi di Monaco, Imola e Monza. La bellezza tremenda della velocità, il sapore magico della vittoria, ma anche il lato nascosto e più "umano" dei piloti a cronometro fermo: attraverso foto di vari formati e dimensioni, il percorso espositivo offre ai visitatori l'occasione di saggiare in un paio d'ore il quadro complesso che delinea l'attività sportiva della Ferrari, la scuderia di Formula...
Redazione Ruoteclassiche
Carica altri articoli