Auto
23 aprile 2004 | di Redazione Ruoteclassiche

L’AVEVANO PORTATA IN QUESTURA

Faceva parte di una serie di trenta vetture destinate alla polizia: motore da 47 CV della serie "D" e carrozzeria della "E". Dopo anni di servizio, passò a un avvocato milanese che la usava per recarsi in vacanza con il motoscafo al traino. Il costo del restauro (circa 10.000 euro) ha superato il valore di mercato (8000 euro).

A prima vista la vettura del nostro servizio sembra una "1500 E" del 1949, subito riconoscibile per la coda bombata. Invece è una "D", che quella coda non l'aveva. "In effetti la mia '1500'- ci dice il proprietario - è a tutti gli effetti una versione 'D' anche se la carrozzeria, a eccezione dei predellini, è quella della 'E'".

È possibile che si tratti di un esemplare di transizione, ma forse è anche qualcosa di più. Secondo il proprietario, appartiene a una serie speciale di una trentina di vetture realizzate appositamente per le questure. La nostra fu destinata a Milano, dove prestò servizio per una quindicina d'anni. Venne poi acquistata da un avvocato milanese che la usò per anni, soprattutto per portare la famiglia al mare. Infatti fece installare un gancio traino per trasportare il motoscafo e un mangianastri per allietare i viaggi.

Nel 1980 la "1500" fu messa a riposo in un capannone, dove l'attuale proprietario, Pierluigi Cattaneo, collezionista di Pavia, la trovò nel 1995 in condizioni pietose. "Le lamiere erano corrose dalla ruggine, parte dei legni della scocca era marcita. Il panno grigio dei rivestimenti dei sedili e della cappelliera aveva alimentato i topi per anni. Non ho tenuto i conti precisi, ma credo di aver ampiamente sforato i 10.000 euro per il restauro di una vettura che Ruoteclassiche valuta 8000 euro. Adesso la adopero per qualche raduno ogni tanto, senza tuttavia allontanarmi troppo da Pavia".

La "1500" non è fatta per correre in autostrada (difficilmente raggiunge i 110 km,/h), ma lo sterzo è morbido anche se poco reattivo e il cambio è facilmente manovrabile. Buona la tenuta di strada grazie alle sospensioni indipendenti.

TAGS fiat
Condividi
COMMENTI