Auto
17 luglio 2003 | di Redazione Ruoteclassiche

LE BELLE, LE BRUTTE E LE CATTIVE

Ottava edizione del raduno di vetture storiche della Casa francese sulla pista dell'ASC a Vairano (Pavia). Venti modelli sportivi e da autocross, più altri quindici per celebrare i cento anni dalla nascita di Flaminio Bertoni, sono scesi in campo sul nostro circuito. A fare spettacolo ci hanno pensatole "2CV" del Trofeo.

Sabato 31 maggio ai cancelli della pista di Vairano (in provincia di Pavia) erano attesi trentacinque appassionati per l'ottava edizione della manifestazione promossa dalla rivista Ruoteclassiche, con la collaborazione di Citroën Italia, e riservata alle vetture sportive della marca francese, da competizione o di serie.

La Citroën, del resto, ha un glorioso passato in questo campo: nel 1931 una "Rosalie" con carrozzeria aerodinamica percorse 300.000 km alla media di 93 km/h, conquistando 106 record del mondo e 191 record internazionali. E come non ricordare le vittorie al Rally di Montecarlo del 1959 e del 1966, quando la "DS" arrivò prima assoluta? Ma la giornata a Vairano ha voluto anche ricordare Flaminio Bertoni, l'artista italiano al quale si deve la linea di alcune della Citroën più conosciute e del quale si celebrano quest'anno i cento anni dalla nascita.

Così, accanto a rombanti "2CV Cross" e ad alcune "Visa Chrono" sono affluite numerose "Traction Avant", "DS", "2CV" e "Ami 6". Dopo l'iscrizione, i partecipanti hanno effettuato alcuni giri liberi in cui ha spiccato per la sua grinta la "2CV" preparata per le gare di durata appartenente al lodigiano Giuseppe Ricaboni. Molti occhi erano puntati sulle "2CV Cross" che alcuni collezionisti hanno portato a Vairano dopo averle salvate dalla rottamazione.

Quella del cross è una specialità nata nel 1972 e il cui successo indusse la Casa a istituire un Campionato europeo. Erano protagoniste vetture spogliate di tutto ciò che era pericoloso o inutile ed equipaggiate con motori, strettamente di serie, dotati di scarico libero. I piloti si spingevano, si sportellavano, si ribaltavano divertendosi e facendo divertire il pubblico che riempiva i bordi delle piste di terra battuta, spesso rese fangose dalla pioggia.

Appuntamento al prossimo anno, quando la "CX" spegnerà trenta candeline.

TAGS citroën
Condividi
COMMENTI