LE ITALIANE PERDONO IN CASA - Ruoteclassiche
Cerca
Eventi / News
27/09/2004 | di Redazione Ruoteclassiche
LE ITALIANE PERDONO IN CASA
Questa gara emiliana non ha un passato a cui rifarsi per darsi quel tono culturale al quale tutti ambiscono. Si ispira comunque al regolamento del Giro automobilistico d’Italia  che fino agli anni 80 miscelava prove speciali a confronti in pista. Per quattro giorni i concorrenti si sono sfidati su un percorso di 1000 km, suddiviso in […]
27/09/2004 | di Redazione Ruoteclassiche

Questa gara emiliana non ha un passato a cui rifarsi per darsi quel tono culturale al quale tutti ambiscono. Siispira comunque al regolamento del Giro automobilistico d'Italia che fino agli anni 80 miscelava prove speciali a confronti in pista.

Per quattro giorni i concorrenti si sono sfidati su un percorso di 1000 km, suddiviso in 12 prove speciali, fra Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche, facendo tappa per infuocate sfide in circuito a Fiorano, Mugello e Misano Adriatico.

Al via da Modena si sono presentati 100 equipaggi agguerriti e ben preparati. Su tutti, alla fine, si è imposto Monteverde-Pearson, Jaguar "E Type", davanti alla AC "Cobra 289" di Vogele-Vogele e a Studer-Bertschi su Ford Shelby "350 GT".

Poca gloria, anzi nessuna, per le vetture italiane. La migliore, decima, è stata la Ferrari "250 GT" che appartiene da trent'anni all'ex direttore sportivo della Renault, Jean Sage. Il migliore equipaggio è stato Tomasetti-Gelmini, Alfa Romeno "Giulia GTA", che ha chiuso al 23° posto.

Ma la gara è anche una vetrina per vetture importanti. Fra le più ammirate la Ferrari "250 LM" appartenuta alla scuderia milanese Sant'Ambroeus e che fu schierata nel 1965 alla 1000 km di Monza (10ª assoluta) e alla Targa Florio (8ª assoluta) con Taramazzo-Sigala.

Altra vettura importante la Dino "206 SP" dello spagnolo Quintano che corse Oltreoceano guidata dal messicano Pedro Rodriguez, prima di tornare in Europa e disputare la Targa Florio nelle mani del gentleman Ferdinando Latteri.

COMMENTI
In edicola
Segui la passione
Febbraio 2024
In copertina sul numero di febbraio di Ruoteclassiche due utilitarie popolari che oggi sono inseguite dai collezionisti: la Fiat 126 e la NSU Prinz 4L
Scopri di più >