LISCIA, GASSATA O SPUMEGGIANTE? - Ruoteclassiche
Auto
31 January 2003 | di Redazione Ruoteclassiche

LISCIA, GASSATA O SPUMEGGIANTE?

Sulla prima, impostazione meccanica tradizionale e un otto cilindri molto fluido nell'erogazione. Sulla seconda, il confort delle sospensioni idropneumatiche e la soluzione controcorrente della trazione anteriore. Sulla terza, eccitanti sensazioni di guida, merito della disposizione meccanica "tutto dietro".

Ci sono tre modi per intendere una granturismo: divertente ma guidabile, veloce e confortevole, oppure sportiva senza compromessi. Ce n'erano tre, all'inizio degli Anni 70, che interpretavano alla perfezione queste tre scuole di pensiero: l'Alfa Romeo "Montreal" (motore anteriore e trazione posteriore), la Citroën "SM" (motore e trazione anteriori) e la Porsche "911 2.4 S" (motore e trazione posteriori).

La "Montreal" ha una linea forte e riuscita, opera di Bertone, il motore è un V8 di 2,6 litri da 200 CV DIN in lega leggera, il cambio è uno ZF invertito, in blocco col motore, le sospensioni sono a ruote indipendenti davanti e ad assale rigido dietro. I suoi punti deboli sono il rollio, eccessivo per una granturismo, e la frenata, poco pronta e ancor meno potente. Il pezzo forte è invece il motore, potente, elastico, e sportivo; il cambio ha innesti rapidi, corti, precisi. Terreno ideale? I percorsi veloci e le curve ampie.

La "SM" ha una linea moderna e aerodinamica che dissimula misure quasi da limousine. Il cuore della "SM" è un V6 di 2,7 litri da 170 CV progettato dalla Maserati, montato in senso longitudinale subito dietro l'asse anteriore. Ciò che la distingue dalla altre due vetture è la trazione anteriore, soluzione originale in una granturismo, e le sospensioni idropneumatiche autolivellanti. Leggero e abbastanza preciso lo sterzo servoassistito, piacevole il cambio, potenti ma poco modulabili i freni.È una vettura che si trova a suo agio sui rettilinei e sulle ampie curve delle autostrade.

La "911 2.4 S" è equipaggiata con il noto 6 cilindri "boxer" raffreddato ad aria da 190 CV, montato a sbalzo al retrotreno; le sospensioni sono indipendenti sulle quattro ruote. Lo sterzo è diretto e preciso, la frenata pronta e regolare e il motore, potente ed elastico, mostra grande prontezza di risposta all'acceleratore. Quale preferire? La domanda aveva senso 30 anni fa. Oggi dipende da che parte batte il cuore.

TAGS citroën
Condividi

Bacheca

COMMENTI