Eventi / News
23 settembre 2015 | di Redazione Ruoteclassiche

Modena Motor Gallery 2015, la Terra dei Motori si mette in mostra

Terza edizione della manifestazione che celebra la storia automobilistica del proprio territorio con un programma estremamente ricco di iniziative coinvolgenti e spettacolari.

Un week end da segnare in agenda quello di sabato 26 e domenica 27 settembre: presso ModenaFiere si terrà la terza edizione di un salone dedicato alle auto e moto d’epoca molto ambizioso ed estremamente focalizzato sulla cultura dell’automobile. Non solo mostra scambio quindi, ma molte mostre ed eventi collaterali che vogliono coinvolgere gli appassionati di auto storiche a 360°.

Cambia, infatti, rispetto al passato, la filosofia della manifestazione, che nelle prime due edizioni era riservata esclusivamente alle auto e moto d’epoca italiane: con l’edizione 2015 Modena Motor Gallery aprirà anche alle auto e moto d’epoca di altri paesi. Ad attendere gli appassionati ci saranno 327 espositori, 380 auto e moto storiche, 15 tra Club, Registri Storici e Musei, 7 mostre e 5 raduni di auto e moto.

Tra gli eventi collaterali da non perdere la mostra sullo storico Aerautodromo di Modena organizzata in partnership con il Circolo della Biella - uno dei più blasonati Club italiani. Forse non tutti lo sanno, ma per 20 anni grazie al suo autodromo (oggi trasformato in parco) Modena è stata nota nel mondo come “la piccola Indianapolis europea”. Tra gli anni ’50 e ’60, Maserati, Ferrari, De Tomaso, Stanguellini e le varie officine artigiane nate in quell’area hanno avuto la possibilità di sviluppare idee e concetti da impiegare anche nelle gare. La mostra esporrà, tra gli altri, alcuni pezzi unici come: Ferrari F2 monoposto, 1950 Stanguellini Delfino, Maserati 250F, Barchetta Maserati, Fiat 1100 e, tra le moto, MV4 cilindri, HD 250 Villa.

Altra esposizione è quella dedicata alla storia della Tecno di Bologna (“La Tecno di Bologna: quando una piccola azienda sfida il mondo delle competizioni”) piccola azienda che arrivò alla Formula 1 grazie all’ingegno dei fratelli bolognesi Pederzani. Che saranno presenti a Modena per ripercorrere i momenti più importanti della loro singolare avventura.

A vent’anni dalla scomparsa un’altra mostra ricorderà Juan Manuel Fangio, seguita da una sfilata di 50 bellissime Giordani a pedali, da una selezione delle più belle e originali motociclette straniere e da due anteprime mondiali: una Ferrari 250 cabrio Pininfarina I° serie e il modello di stile della Pantera 2000, il canto del cigno di Alejandro De Tomaso.

Il Registro Fiat esporrà una serie di vetture legate al mondo del lavoro (Balilla, Topolino furgoncino, Fiat 130 carro funebre, Fiat 238 ambulanza) mentre per gli appassionati di supercar saranno presenti una Pagani Huayra e una Zonda coupè.

La mostra “Francesco Baracca, il Cavallino Rampante”, a cura di Franco Savignano, esporrà opere realizzate ad hoc da sette importanti artisti contemporanei italiani mentre, per la prima volta in una manifestazione di questo tipo, la prima edizione di Modena Motor Gallery PhotoContest “Gente e Motori”, proporrà un concorso fotografico aperto a tutti i visitatori.

Infine, l’edizione 2015 darà ancora più spazio agli artigiani, con una “Strada” dedicata a carrozzai, tappezzieri, meccanici, elettricisti, officine storiche, restauratori. La “Strada degli artigiani” ospiterà oltre 50 aziende tra le più affermate in Italia. In contemporanea, nella “Piazza dei Privati”, ci sarà la possibilità di scambiare o vendere la propria auto o moto storica.

Condividi
COMMENTI