Montalbano e la sua Tipo in ricordo di Andrea Camilleri - Ruoteclassiche
Cerca
Auto
17/07/2019 | di Alberto Amedeo Isidoro
Montalbano e la sua Tipo in ricordo di Andrea Camilleri
È morto Andrea Camilleri, il “papà” del commissario Montalbano. Ruoteclassiche lo ricorda attraverso le immagini della Tipo, l’auto del suo personaggio
17/07/2019 | di Alberto Amedeo Isidoro

È morto questa mattina Andrea Camilleri, il “papà” del commissario Montalbano. Ruoteclassiche ricorda lo scrittore siciliano attraverso le immagini della Fiat Tipo, l’auto del suo personaggio più famoso

Se ne è andato questa mattina, all’età di 93 anni, Andrea Camilleri. A un mese esatto dal ricovero in rianimazione all’ospedale Santo Spirito, lo scrittore siciliano saluta per sempre il suo vasto, affezionatissimo pubblico e la sua famiglia, che fino all’ultimo gli è stata vicina. In carriera ha scritto oltre cento libri, dati alle stampe tutti in età matura. I primi titoli erano di nicchia, romanzi storici ambientati nella sua Sicilia (il primo, pubblicato da Garzanti nel 1980, è “Un filo di fumo”). Il suo più grande successo risale al 1994: con “La forma dell’acqua” cominciano le avventure del commissario Montalbano, che cinque anni dopo sbarca in TV protagonista di una fiction che continua a tenere incollati agli schermi milioni e milioni di telespettatori in tutto il mondo. Interpretato da Luca Zingaretti, la figura del commissario nell’immaginario collettivo è legata a quella della sua auto personale, una Fiat Tipo grigia. Dal 1999 a oggi, però, la Tipo di Montalbano non è stata sempre la stessa. Sul set si sono avvicendate varie versioni, con allestimenti a volte molto diversi tra loro ed equipaggiate con quasi tutti i motori della gamma, dal 1.1 Fire al 1.9 TD.

(La foto di apertura dell'articolo è un'immagine realizzata da Fabrizio Di Giulio)

LA FIAT TIPO IN BREVE

Nata a Cassino. Come la Croma, anche la Tipo faceva parte di un progetto multiplo: dal pianale “Tipo 2” della nuova berlina a due volumi, infatti, nacquero anche la Fiat Tempra e la Lancia Dedra. L’assemblaggio della vettura, in larga parte affidato a moderni sistemi di automazione, avveniva presso lo stabilimento di Cassino, in provincia di Frosinone. I motori disponibili al lancio erano cinque, tre a benzina (tra cui un 1.1 strettamente derivato dal Fire della Uno) e due diesel (di cui uno sovralimentato). I nuovi 1.4 e 1.6 a benzina derivavano dal monoalbero di 1301 cm³ montato sulla Uno e, prima ancora, su 127 e Ritmo; rispetto a questa unità, le modifiche riguardavano principalmente il collettore di aspirazione e la testata. Per quanto riguarda i propulsori a gasolio, sia il 1.7 diesel che il 1.9 turbodiesel erano evoluzioni dei motori che equipaggiavano Ritmo e Regata.

Motori e allestimenti. La Tipo veniva fornita in due livelli di allestimento: base e “Digit”. Quest’ultimo, ribattezzato “DGT” dopo qualche mese, aveva una dotazione di serie più ricca e prevedeva l’adozione della strumentazione digitale. Nel 1989 nacque la 1.8 i.e. 16V, versione sportiva della gamma dotata di un bialbero di 1756 cm³ a 4 valvole per cilindro da 136 CV (204 km/he appena 8,5 secondi per raggiungere i 100 km/h con partenza da fermo). Due anni più tardi, al Salone di Ginevra fu presentata la 2.0 i.e. 16V (145 CV e 207 km/h), modello che rimase in listino fino all’inizio del 1993. All’estate del 1990 risale il lancio dei motori 1.8 e 2.0 a iniezione elettronica (rispettivamente da 109 e 113 CV) e della Selecta(disponibile con motore 1.4 e 1.6), dotata di una trasmissione automatica a variazione continua. La nuova gamma esordì nel 1991: sparite le denominazioni “AGT” e “DGT”, in aggiunta al modello base comparvero i due nuovi allestimenti “S”(con alzacristalli elettrici anteriori e chiusura centralizzata) e “SX” (con idroguida e nuovi rivestimenti interni).

Il restyiling. Nel 1993, con la nascita della seconda serie, la Tipo si rinnovò su diversi fronti: nuovi fari anteriori (di dimensioni ridotte) e nuova calandra, oltre a una versione a tre porte (rivolta specialmente al mercato del Nord Europa, dove questa variante di carrozzeria era molto apprezzata). Fu rivolta anche una maggiore attenzione alla sicurezza passiva: la nuova vettura era dotata di una scocca irrobustita, di barre antintrusione alle portiere e dell’airbag per il guidatore.

COMMENTI
In edicola
Segui la passione
Maggio 2024
In copertina sul numero di maggio di Ruoteclassiche un Maggiolino Cabriolet molto particolare. Si tratta di una rarissima versione dotata del kit Okrasa, che la rende davvero molto vivace. Poi il ricordo di Ayrton Senna a 30 anni dalla scomparsa, la Mercedes 190 E 2.3-16, l'Alfa Romeo 6C 2500 Sport carrozzata Turinga, l'intervista al collaudatore delle Lamborghini Valentino Balboni e il Test a test fra due affascinanti coupé come la BMW 3.0 CSL e la Jaguar XJC 4.2
Scopri di più >