Auto
11 gennaio 2011 | di Redazione Ruoteclassiche

NON SI SPRECA UN MOTORE

Bocciata l'idea di un'ammiraglia, era avanzato un V8 con bancate a 70° e alberi in testa. Per non buttarlo, gli disegnarono intorno una berlinetta da corsa, che esordì nel 1952.

L'allestimento avveniva nel reparto Carrozzerie Speciali del Lingotto, che assicurava un grado di finitura sconosciuto ad altri modelli Fiat. Con un prezzo di 2.850.000 lire si poneva in concorrenza con la Lancia "Aurelia B20" del 1951-52: 2.870.500 lire.

In coda, la nostra "Impressione di guida" su due pagine.

TAGS fiat
Condividi
COMMENTI