Regolarità
09 September 2020 | di Himara Bottini

Pochi giorni al via del Gran Premio Nuvolari

Manca solo una settimana al via del Gran Premio Nuvolari, gara internazionale di regolarità per auto storiche fabbricate dalle origini fino al 1976, una delle più attese dell’anno e una delle più amate in quanto celebra proprio Tazio Nuvolari, considerato all’unanimità il più grande pilota di tutti i tempi.

É stato reso noto solo pochi giorni fa l’elenco iscritti di questa edizione molto speciale del Gran Premio Nuvolari, che proprio quest’anno celebra la XXX° edizione, un importante traguardo non solo per i soci fondatori della Scuderia Mantova Corse, Claudio Rossi, Luca Bergamaschi e Marco Marani, ma anche per la città di Mantova che in questa particolare occasione si trasforma in un vero e proprio museo a cielo aperto. Da Palazzo Te che ospita le verifiche tecniche e sportive nella giornata di giovedì, a piazza Sordello che si presta a paddock la notte antecedente la gara e la mattina prima della partenza, fungendo anche da passerella per il via e l’arrivo ufficiale delle vetture, richiamando ogni anno appassionati e regolaristi dal tutto il mondo.

150 al via. Quest’anno gli equipaggi in gara saranno 150, di cui molti provenienti anche dall’estero. Tra gli equipaggi speciali la mitica auto di Tazio Nuvolari, che come da tradizione prenderà simbolicamente parte alla manifestazione con il numero 1 a bordo dell’Alfa Romeo 6C 1750 Gran Sport del 1930, la gloriosa auto con cui novant’anni fa il Mantovano Volante vinse la Mille Miglia. L’austriaco Dieter Quester, ex pilota di Formula 1 degli anni ’70 e testimonial di Red Bull che sarà al volante di una BMW Roadster del 1937, e Carlo Vanzini, telecronista di Formula 1 per Sky, per l’occasione a bordo di una Fiat 124 Spider Abarth del 1973 portacolori dell’Official Timekeeper Partner d’eccezione, la casa orologiera svizzera TAG Heuer, da sempre a fianco di importanti eventi legati all’automobilismo sportivo. Per l’altro sponsor del gran premio Nuvolari, il Gruppo Finservice, saranno invece in gara l’AD Guido Rovesta su una Mercedes 190 SL del 1956 e Orazio Rigo su una Mercedes Pagoda SL 250 del 1967.

Una sfida tutta italiana. I nostri occhi però saranno puntati sui noti regolaristi italiani, che si sfideranno fino all’ultimo centesimo di secondo per ben 1.095 km dalle 11.00 di venerdì 18 settembre alle 13 di domenica 20 settembre. Primi su tutti i vincitori della passata edizione, Mario Passanante e Raffaela De Alessandrini sulla loro fidata Fiat 508 C del 1937. A seguire i sempre aggueritissimi Fontanella-Covelli, su Lancia Lambda Spyder del 1927, o Patron-Bovio, che dovranno vedersela con l’altra coppia Aliverti-Valente, entrambi gli equipaggi su Alfa Romeo 6C 1750 SS del 1929. E ancora Nobis-Mambrini su OM 665 S.M.M. Superba del 1930, Riboldi-Riboldi su OM 665 S Superba del 1926, Vesco-Vesco su Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929, Belometti-Bettinsoli su Lancia Lambda del 1929, Zanasi-Fabbri su Fiat 508 C del 1937, o Gamberini-Ceccardi su Fiat 514 Mille Miglia del 1930.

Mantova-Rimini-Siena-Rimini-Mantova. Il percorso ricalcherà la direttrice che più è stata apprezzata dai partecipanti negli ultimi anni: venerdì 18 settembre si parte alle 11.00 da Piazza Sordello, sullo sfondo dell’incomparabile bellezza di Palazzo Ducale, nel cuore di Mantova. Si attraverseranno le suggestive strade dell’Emilia, per fermarsi all’Autodromo di Modena: prove crono e break del pranzo, per poi proseguire sulle colline romagnole verso l’Adriatico fino a Cesenatico, dove si svolgerà la prima serata nella prestigiosa location del Grand Hotel Leonardo da Vinci. Seguirà il pernottamento a Rimini.

Attraverso le città d’arte. Sabato 19 settembre prenderà il via la seconda tappa, la giornata più intensa del Gran Premio Nuvolari, che vedrà gli equipaggi percorrere la Strada Statale Adriatica con il transito sul passo del Viamaggio. Seguiranno poi le campagne fiorentine e le colline del Chianti, arrivando infine a Siena per la consueta sfilata in Piazza del Campo, una delle più celebrate piazze d’Italia. Dopo il break all’ombra dei cipressi di Borgo Scopeto, la carovana proseguirà alla volta di Piazza Grande, nel cuore di Arezzo. Nel tardo pomeriggio gli equipaggi, percorrendo le sinuose strade marchigiane, transiteranno per Urbino e giungeranno infine a Rimini, dove concluderanno la seconda tappa sulla passerella di Piazza Tre Martiri. La serata riserverà ai concorrenti il tradizionale galà in onore di Tazio Nuvolari, nella meravigliosa cornice del Grand Hotel di Rimini, che quest’anno celebra il centenario Felliniano.

Di ritorno a Mantova. Domenica 20 settembre gli equipaggi prenderanno la via del ritorno verso Mantova. Il percorso riserverà loro le ultime sfide, quelle decisive per decretare il vincitore di questa 30ª edizione. Partendo da Rimini si confronteranno con le temutissime prove cronometrate di Meldola, passando poi da Faenza, ospiti della Scuderia di Formula 1 Alpha Tauri, fresca di vittoria al Gran Premio d’Italia. L’arena di piazza Ariostea a Ferrara accoglierà poi i concorrenti con l’usuale entusiasmo. Il rientro in terra mantovana, dopo 1.095 km, avverrà attraverso Borgofranco e Ostiglia. Mantova rinfrancherà gli equipaggi con il pranzo conclusivo servito tra le mura dello storico Palazzo Ducale.

Condividi
COMMENTI