Eventi
23 November 2019 | di Paolo Sardi

Porsche tra le star di Milano AutoClassica

La Casa di Zuffenhausen è presente alla kermesse milanese con un ricco stand in cui spicca una 911 Turbo 930 Kermer

Porsche è una tra le principali Case presenti ufficialmente all’edizione 2019 di Milano AutoClassica, dove espone con il supporto del Classic Partner Centro Milano Est. Lo stand ospita in posizione centrale una 911 Cabrio di ultima generazione che risalta grazie alla sgargiante colorazione verde ma gli appassionati di auto d’epoca hanno occhi soprattutto per le vetture che le fanno da damigelle d’onore

Ali per volare.Per i cultori dei genere l’attrazione principale è una 911 Turbo del 1983, con il suo ampio alettone posteriore e un kit aerodinamico piuttosto vistoso, utile a sfruttare appieno i 344 cv di potenza. Si tratta di una 930 con preparazione Kermer originale che sfoggia una colorazione molto particolare, con carrozzeria in blu chiaro metallizzato e interni in tonalità rosso vino. Il contachilometri segna 117.800 km ma non ci sono segni evidenti di usura né all’esterno né all’interno.

Alter ego.Sul fronte opposto dello stand fa bella mostra di sé una 911 Speedster Turbo Look del 1989 con carrozzeria argento e interni neri, così come nera è anche la capote. L’auto non è soltanto rara ma è anche in uno stato di conservazione strepitoso. Ha infatti all’attivo appena 6.723 km e si trova dunque in condizioni pari al nuovo.

Nel blu, dipinto di blu.In posizione un pochino defilata sulla destra c’è poi una 911 Carrera 4 993 che fa del blu il suo… fil rouge. I lamierati sono infatti in color Blu Mezzanotte, gli interni sono a loro volta blu e la capote - neanche a dirlo - è ancora una volta blu. L’auto, ufficiale italiana, ha percorso 88.530 km ed è stata ripristinata di recente dal Centro Porche Milano Est, Partner Porsche Classic. Lo stesso Centro si sta occupando anche del restauro di una 356 SC del 1964, esposta a Milano AutoClassica con la carrozzeria messa a nudo, pronta per la sigillatura del fondo e la verniciatura finale.

Condividi
COMMENTI