Auto / News / Regolarità
23 settembre 2014 | di Gilberto Milano

Rally Elba Storico 2014, vince l’Audi

 

Si è svolto nella calda e umida cornice dell’Isola d’Elba la ventiseiesima edizione del Rally Elba Storico, terz’ultima gara del FIA Historic Rally Championship 2014 e ottava prova del Campionato Italiano Rally Autostoriche.

Nel “long weekend” appena concluso quasi 100 equipaggi su vetture storiche da corsa di alto lignaggio provenienti da tutta Europa hanno monopolizzato la grande isola napoleonica con un fitto programma di prove speciali già a partire da giovedì sera. Alla storica corsa organizzata dall’AC Livorno Sport si sono dati battaglia quasi tutti i protagonisti del Tricolore e dell’Europeo impegnati nella stagione 2014: 11 prove speciali e quasi 130 chilometri di gara. La forza e l’organizzazione delle forze in campo ha dato vita a una serie di battaglie emozionanti in cima alla classifica generale, dove le Audi quattro, le Lancia 037, le numerose Porsche 911 e l’unica Renault 5 Turbo 2 si sono giocate il successo finale. “Lucky” (Lancia) e “Pedro” (Lancia), Nicholas Montini e Luigi Zampaglione con le Porsche 911, tutti italiani, alla vigilia delle ostilità erano i quattro favoriti per la conquista della vittoria, all’inseguimento dell’ambito titolo europeo.

Giovedì sera: si corre in “centro” a Capoliveri
La bagarre ha scatenato gli animi già nelle prime due prove speciali: Lucky, vincitore della prima P.S., ha rotto un semiasse nella seconda nelle suggestive strette vie del borgo medievale di Capoliveri. Fuori anche Pedro (surriscaldamento al motore) e Zampaglione (guaio elettrico), è emersa la superiorità dell’equipaggio Riolo-Floris (il pilota siciliano sfiorò la vittoria nel 2012) a bordo dell’Audi quattro S2, indubbiamente avvantaggiata dalla trazione integrale. Riolo ha condotto con maestria la sua Audi nelle vie del centro, assiepate di appassionati.

Venerdì: maledetta idroguida!
Ma il venerdì mattina sulle curve iniziali, rese difficili dalla nebbia e una leggera ma insidiosa pioggia, sono iniziate le noie per l’Audi: continui problemi all’idroguida hanno costretto a ben due sostituzioni in volata. Ne ha approfittato La Lancia Rally 037 n. 5 del piemontese Enrico Brazzoli (“navigato” da Paola Valmassoi), che ha così guadagnato la testa della corsa. Il dominio Lancia è durato il tempo di una sola prova speciale perché l’Audi, finalmente al 100% grazie alla caparbietà dell’assistenza e alla “freddezza” dei piloti, ha concluso la sesta prova speciale, venerdì pomeriggio, con oltre 11 secondi di vantaggio sul suo inseguitore. In terza posizione la Renault 5 del corso Marc Valliccioni, con Marie Cardi alle note. Al quarto posto, infine, la prima delle ben 25 Porsche presenti (24 911 e una 914/6), il bresciano Nicholas Montini, il vincitore del 2013, affiancato da Belfiore, su una Porsche 911 RSR.

La seconda tappa
Le ostilità sono riprese sabato mattina di buon’ora evidenziando un sostanziale consolidamento della classifica generale. A “cose fatte”, le scatenate vetture da rally hanno regalato emozioni nei singoli duelli delle 5 ultime Speciali, amplificate dalle prove di forza delle Lancia Rally 037 di “Lucky” e di “Pedro”, riammessi al via in base al regolamento di gara dopo l’abbandono. Dopo l’undicesima prova speciale, verso le 4 del pomeriggio, Salvatore Riolo e Alessandro Floris hanno coronato una gara pressoché perfetta con la vittoria finale. “Una vittoria sudata e sofferta, specie nelle prove di venerdì – ha dichiarato Riolo sul palco di arrivo – quando quel problema all’idroguida ha rischiato di compromettere la gara. I ragazzi del Team Balletti sono stati come sempre fantastici e vincere qui è una emozione indescrivibile. Ringrazio i miei sostenitori, quelli presenti e quelli che a distanza mi hanno fatto sentire come sempre, tutto il loro calore. il successo è stato possibile grazie al perfetto feeling ed alla professionalità di Alessandro Floris”.

Brazzoli ha poi concluso con ampio merito al secondo posto “E’ un risultato a cui tenevo tantissimo, duellare quasi alla pari sul fondo bagnato con Riolo mi ha caricato sin troppo, infatti non ci voleva la toccata nella terza piesse. Ho cercato di recuperare il tempo perso, ma va bene così”. Il pilota di Cuneo ha saputo difendersi con onore dallo scatenato Marc Valliccioni con la Renault 5 Turbo ex Ragnotti e da Nicholas Montini sulla Porsche numero 1, che ha perso il quarto posto finale nelle ultime fasi di gara a causa di problemi meccanici. Ne ha approfittato Lucio Da Zanche (Porsche 911 RS), che ha strappato il quarto posto a Giuliano Calzolari, quinto con la Ford Escort RS e “re del traverso” lungo le curve dell’Elba.

Il Rally Elba Storico ha portato sul Tirreno anche il Trofeo A112 Abarth, qui all’ultimo appuntamento stagionale. Le due tappe del Rally sono state qualificate come due corse distinte. Nella prima giornata/gara la vittoria è andata al perugino Giorgio Sisani, nuovamente vincitore nella seconda prova grazie a una gara senza errori.
(Alvise-Marco Seno)

Classifica assoluta

1. Riolo-Floris (Audi quattro A2) in 1h 41'47”8
2. Brazzoli-Valmassoi (Lancia Rally 037) a 42”2
3. Valliccioni-Cardi (Renault 5 Turbo) a 1'14”4
4. Da Zanche-Oberti (Porsche 911 RS) a 1'52”
5. Calzolari-Scalabrini (Ford Escort RS) a 1'56”6
6. Montini-Belfiore (Porsche 911 RS) a 2'01”7
7. Salvini-Salerno (Porsche 911 RS) a 2'42”5
8. Bacchelli-Granata (Porsche 911 RS) a 3'06”1
9. Wagner-Zauner (Porsche 911 SC) a 3'49”9
10. Jensen-Pedersen (Porsche 911 RS) a 3'51”6

Classifica per raggruppamenti

1° raggruppamento: Luigi Capsoni (Alpine A110)
2° Raggruppamento: Lucio Da Zanche (Porsche 911 RS)
3° Raggruppamento: Marc Valliccioni (Renault 5 Turbo)
4° Raggruppamento: Salvatore Riolo (Audi quattro A2)

TAGS rally
Condividi
COMMENTI