News
04 July 2020 | di Giancarlo Gnepo Kla

Ruote da Sogno, ultimi giorni per la mostra dedicata ai 110 anni Alfa Romeo

Sono 12 le vetture Alfa Romeo esposte nello showroom di Ruote da Sogno, una mostra che fino al 6 luglio celebra i 110 anni della Casa del Biscione: tra queste anche la speciale Alfa Romeo Giulia Sprint GTA tricolore.

Lunedì 6 luglio termina la mostra dedicata ai 110 anni Alfa Romeo, organizzata dall’atelier Ruote da Sogno, che nel suggestivo showroom di Reggio Emilia ha allestito un’esposizione celebrativa con 12 dei modelli più significativi nella storia del marchio. Tra le più ammirate sicuramente la Giulia Sprint GTA: la “Giulia che vince”, come recitava uno slogan dell’epoca. L'Alfa Romeo Giulia Sprint GTA è stata infatti una formidabile auto da competizione oltre che una delle GT stradali più apprezzate. Disegnata dal Centro Stile Bertone per mano di Giorgetto Giugiaro, con la sua linea sportiva ed elegante è una vera e propria icona dell’automobilismo, classica granturismo a motore anteriore e trazione posteriore, seduceva con la sua silhouette affusolata ed aerodinamica e si distingueva per il suo tipico “scalino” sul frontale.

GT di successo. L’Alfa Romeo Giulia Sprint GTA venne presentata nel 1965 per competere nel Campionato Europeo Turismo dominato in quegli anni dalle Lotus Cortina, ma sulle note del bialbero la musica stava per cambiare: l’Alfa Romeo Giulia Sprint GTA Sprint GTA sbaragliò la concorrenza, affermandosi in poco tempo con un ricco palmarès che superò di gran lunga le aspettative. Lo sviluppo (e il successo) dell’Alfa Giulia Sprint GTA consolidò il legame tra la Casa del Biscione e l’Autodelta, la gloriosa squadra corse Alfa Romeo gestita da Carlo Chiti, artefice del ritorno vittorioso dell’Alfa nel mondo delle competizioni con le vetture Sport (le Tipo 33) fino al ritorno in Formula 1. L’esemplare esposto nello showroom di Reggio Emilia è stato utilizzato dal Campione Europeo Turismo 1966-67 Andrea De Adamich per un video celebrativo in cui raccontava imprese sportive e aneddoti della sua Giulia GTA, auto che contribuì in maniera determinante all’affermazione sportiva e commerciale della Casa del Biscione.

Guida vecchia scuola. La Giulia Sprint GTA tricolore è in vendita, ma più che un cimelio questa è un’auto da guidare in “stile Autodelta”, cioè con la ruota anteriore sollevata da terra, una tecnica che consentiva di avere più presa sulle ruote motrici (posteriori), sgravando l’anteriore dalle forze che innescavano il sottosterzo. Con un’abile mossa di marketing la GTA “pronto corsa” costava 3 milioni di lire contro i 3,5 della versione a listino: una scelta che generò una grande visibilità nel mondo delle corse e un grande successo per i modelli stradali. La Giulia Sprint GTA oggi è un vero e proprio oggetto di culto, con quotazioni in continua rivalutazione che attualmente superano i 300.000 euro. Ma a prescindere dalle cifre in gioco, questo modello fa battere il cuore di tutti gli appassionati per la sua linea senza tempo e la sua grande rilevanza nella storia delle corse.

Non solo Giulia. All’interno di questa mostra celebrativa, oltre alla Giulia Sprint GTA troviamo anche una prestigiosa Alfa Romeo 1900 C Super Sprint del 1956, in condizioni impeccabili e dotata di certificazioni ASI e FIVA; una straordinaria Montreal del 1972 e una sensuale Giulia Spider 1600 del 1962 perfettamente restaurata. La mostra è visibile fino a lunedì 6 luglio, ma è necessario prenotare telefonando allo 0522/268511.

Condividi
COMMENTI