Ruoteclassiche di dicembre: numero da rockstar! - Ruoteclassiche
In edicola
01 December 2021 | di Redazione Ruoteclassiche

Ruoteclassiche di dicembre: numero da rockstar!

Ci siamo, Ruoteclassiche di dicembre è in edicola con un’uscita ricchissima. In copertina Piero Pelù con la sua Alfa Romeo Giulietta Sprint poi ci sono la Lancia Aurelia B52 Vignale di Gina Lollobrigida, regina del mese e la Mini Cooper S (R53), una youngtimer da tenere d’occhio o, ancora, lo speciale per i 70 anni dell’Alfa Romeo 1900 M “Matta”. Tutto qui? Ovviamente no: ecco i servizi di questo numero e non perdetevi il nostro calendario 2022!

Piero Pelù ci racconta di una sua grande passione per la musica: nulla di nuovo, penserete voi, ma la musica in questione è quella dei motori Alfa Romeo. Per questo Pelù ci ha concesso di portare la sua Giulietta Sprint azzurra a Vairano, un’occasione speciale per fare due chiacchiere con uno dei protagonisti della scena rock italiana e parlare di uno dei grandi capolavori dello stile italiano. Volete sapere com’è andata? Date un’occhiata alla rubrica “Incontri Ravvicinati”.

Le bellissime. La classe e il portamento sono quelli propri di una regina, che in questa uscita è la Lancia Aurelia B52 carrozzata Vignale: splendido esemplare del 1952 presumibilmente appartenuto a Gina Lollobrigida, diva amante delle automobili di gran classe. La vettura rientra nel lotto delle 12 fuoriserie realizzate da Vignale sulla base della Lancia Aurelia, uno dei soli sette esemplari disegnati da Giovanni Michelotti. Trovate la disamina completa a partire da pagina 22.
Rimaniamo in tema di grandi, grandissimi capolavori italiani con la Ferrari 250 GT SWB Competizione: uno dei mostri sacri del motorismo. L’esemplare che vi presentiamo nella rubrica “Nate per correre” apparteneva al pilota Carlo Mario Abate. Questa splendida GT alleggerita ha dalla sua una meccanica perfetta e un palmarès importante, compresa una vittoria alla Coppa Intereuropa, tenutasi a Monza nel settembre del 1960.

I 70 anni della Matta. Nel test a test abbiamo schierato ben sette esemplari della “Matta”, il leggendario fuoristrada Alfa Romeo con il motore della grintosa 1900. Tra modelli preserie e protagonisti di storiche imprese esplorative, mettiamo a confronto i modelli delle serie AR51 (militare) e AR52 (civile) per celebrare i 70 anni di questa vera e propria pietra miliare per la Casa del Biscione, testimone di numerose vicende storiche del nostro Paese. A seguire, vi proponiamo la prestigiosa Fiat 522 S, esponente dell’alto di gamma della Casa torinese nel periodo prebellico. Ve la raccontiamo per filo e per segno nella rubrica “Impressioni” (da pag. 66).

Operazione revival. Sono passati 20 anni dal debutto della Mini reinterpretata dalla BMW: all’epoca stupì per le illimitate possibilità di personalizzazione e un’agilità sorprendente. Al vertice della gamma si poneva la Cooper S, con compressore volumetrico. Nella rubrica “Protagoniste” partiamo da questa versione per mettere sotto la lente un modello che è già un classico tra gli amanti delle youngtimer.
Sono 40, invece, le candeline per la Lamborghini Jalpa: una granturismo a motore centrale da riscoprire, magari partendo dal nostro articolo a pagina 79, nella rubrica Fatti&Persone.
In “Classiche domani” c’è invece Peugeot 508 SW PSE: la Peugeot di serie più potente di sempre è una superwagon con motorizzazione plug-in hybrid capace di erogare fino a 360 CV.

Il Museo Fratelli Cozzi. Abbiamo incontrato Elisabetta Cozzi, direttrice del Museo Fratelli Cozzi di Legnano (MI) che ci racconta la storia collezione iniziata dal papà Pietro e le prospettive di una struttura museale divenuta un polo d’eccellenza, per la qualità delle vetture per le iniziative culturali e l’accessibilità ad uno straordinario archivio storico. Insieme, scopriremo i tesori del Museo Cozzi nella rubrica “Personaggi”.

I segnatempo “da corsa”. Gli amanti degli orologi troveranno pane per i loro denti nella rubrica “Tempo” dove proponiamo una selezione di prestigiosi orologi ispirati al mondo delle competizioni.
Tag Heuer celebra il mito di Ayrton Senna con un modello da collezione “pret-a-porter”, un cronografo a tinte scure dal movimento elettronico al quarzo. Rolex omaggia il suo legame con il motorsport svelando una esclusiva variante del suo Oyster Cosmograph Daytona, impreziosito dal quadrante in meteorite metallica, un materiale giunto dallo spazio. Richard Mille presenta l’RM 40-01, omaggio alla McLaren Speedtail: un tourbillon realizzato in soli 106 esemplari destinati ad un pubblico d’élite, prezzo di listino su richiesta, con cifre nell’ordine del milione di euro.

Gareclassiche. Nella consueta rubrica dedicata alle gare per auto storiche, vi offriamo una panoramica sulle principali manifestazioni, come la prossima 1000 Miglia 2022 e la Targa Florio 2021, dedicata al grande Nino Vaccarella. Invece, nella sezione “Eventi” troverete i numeri, i colori e i feedback dell’edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca: la principale fiera italiana del settore che quest’anno ha registrato il suo anno record.
Chiudiamo con il mercato, con un focus sulla la Triumph TR5: la stessa guidata dal mitico Fonzie di happy Days, venduta nelle scorse settimane durante l’asta di Julien’s Auctions a Las Vegas per 160.000 euro.

Con i nostri migliori auguri. Ma ora non vogliamo rovinarvi la sorpresa, correte in edicola e non dimenticate il calendario di Ruoteclassiche 2022, dedicato a due piccole grandi utilitarie Fiat, la 500 e la 126. Lo trovate come allegato alla rivista ad un supplemento di soli 4,40 euro. Buona lettura!

Condividi
COMMENTI