Auto
30 gennaio 2009 | di Redazione Ruoteclassiche

SOTTO IL SEGNO DELLO SCORPIONE

C'era un'epoca in cui innocenti utilitarie "truccate" da Carlo Abarth davano filo da torcere a vetture di cilindrata ben maggiore, stabilivano incredibili record e vincevano gare su gare.

Quarant'anni sulla breccia per il celebre tecnico italo-austriaco: prima come pilota con i sidercar, poi come tecnico con Cisitalia, infine come imprenditore e costruttore.

In un ampio articolo di 18 pagine, Ruoteclassiche ripercorre la vita di Carlo Abarth, dalla prima infatuazione per le motociclette veloci, a fine anni Venti, all'ultimo successo: l'Autobianchi "A112 Abarth" dei primissimi anni Settanta.

In coda, l'nstant classic dello Scorpione: la Abarth "500 Opening Edition" 2008. Solo cento esemplari, speciali e numerati, 160 CV, oltre 210 all'ora, da 0 a 100 in 7,4 secondi.

TAGS Abarth
Condividi
COMMENTI