Auto
03 agosto 2005 | di Redazione Ruoteclassiche

UN MAGGIOLINO TUTTO METALLIZZATO

Vernice grigia con sfumature rosa, gomme a fascia bianca, tetto apribile e, sul cruscotto, il vaso portafiori, di quelli che piacevano ai tedeschi. Mettici lo sfondo delle Alpi e ottieni un depliant d'epoca. Luis Chistell, il proprietario di questo "lunotto ovale", non ha faticato a restaurarlo: "Sul mercato, originale o ricostruito, si trova tutto quel che serve".

Ci sono duecento macchine a Knonau, Svizzera, al raduno annuale del club FNA (Freunde Nostalgischer Autos). Sono tutte splendide, ma alla fine è un semplice "Maggiolino" che richiama la nostra attenzione. Per due motivi: il lunotto ovale (è un modello del 1954) e la bella vernice grigio metallizzato tendente al rosa.

È una "Export Limousine", la più lussuosa, che si distingue dalla "Standard Limousine" per il paraurti e i coprimozzo cromati e per i fregi e le cornici dei vetri in alluminio lucido. Inoltre è dotata di tetto scorrevole in tela e pneumatici con fianco bianco. Il proprietario è Luis Chistell, falegname d'estate e maestro di sci d'inverno.

"Il mio 'Maggiolino'", dice, "è uno dei primi col motore '1200', introdotto nel dicembre 1953: venne immatricolato in Engadina il 1° marzo 1954". Luis possiede la vettura dal 1988, dopo che questa era rimasta ferma per più di 20 anni. Il motore era bloccato, la carrozzeria invece era in condizioni discrete. Prezzo: 2200 franchi.

"Nel '95 l'ho sottoposto a un restauro completo, effettuato presso un garage specializzato in Volkswagen d'epoca. Il pianale è stato sabbiato, zincato e verniciato di nero. I paraurti e i coprimozzi sono stati ricromati. I rivestimenti interni, la capote in tela e tutte le guarnizioni sono state invece sostituite. Sebbene a caro prezzo, ho trovato persino pneumatici con il fianco bianco a fascia larga, una radio dell'epoca con la speciale antenna fissata sul montante e il vasetto per i fiori da applicare al cruscotto". Luis Chistell e signora partecipano assiduamente ai raduni e hanno anche affrontato viaggi impegnativi, senza mai un guasto.

Sulle stradine delle montagne svizzere il "Maggiolino" sale agile e deciso. Lo sterzo leggero e gli innesti del cambio secchi e precisi rendono la guida poco impegnativa. Risale al 1953 la presentazione del "Maggiolino" con il lunotto ovale, molto apprezzato dal pubblico. Quell'anno le vendite decollarono e nel luglio del '53 Wolfsburg sfornò l'esemplare numero 500.000. In Italia la quotazione è oggi di 6000 euro.

Motore Posteriore, 4 cilindri boxer - Cilindrata 1192 cm³ - Alesaggio 77 mm - Corsa 64 mm - Rapporto di compressione 6,1:1 - Valvole in testa, aste e bilancieri, albero a camme centrale - Potenza 30 CV DIN a 3400 giri/min - Coppia 7,7 kgm a 2000 giri/min - Carburatore Solex 28 PCI - Raffreddamento ad aria.
Trasmissione Trazione posteriore - Cambio a 4 marce, 2ª, 3ª e 4ª sincronizzate, leva centrale - Pneumatici 5,60-15.
Corpo vettura Berlina a 4 posti - Carrozzeria in acciaio - Telaio a piattaforma con tunnel centale - Sospensione anteriore a braccetti longitudinali sovrapposti, barre di torsione trasversali - Sospensioni posteriori a semiassi oscillanti, bracci longitudinali, barre di torsione trasversali - Freni idraulici a tamburo - Sterzo a vite e rullo.
Dimensioni e peso Passo 2400 mm - Carreggiate: anteriore 1290, posteriore 1250 mm - Lunghezza 4070 mm - Larghezza 1540 mm - Altezza 1500 mm - Peso a vuoto 740 kg.
Prestazioni Velocità 112 km/h - Accelerazione da 0 a 100 km/h in 38 s - Consumo medio 81/100 km.

TAGS Volkswagen
Condividi
COMMENTI