In edicola
05 luglio 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Uno sguardo a Ruoteclassiche di luglio

Belle macchine e belle storie. Capita, e quando capita è un piacere per chi guarda e per chi legge. È così per la star di copertina del numero di luglio, una splendida BMW M1 del 1981, scovata in Sicilia e subito portata in Germania. Da un colombiano.

Come sempre un asso di fascino assoluto la nostra “Regina”. Si tratta di una sontuosa Alfa Romeo 6C 2300 Pescara Spyder Touring del 1935 appartenuta a Benito Mussolini e da lui utilizzata sia nei suoi tour di propaganda ufficiali sia alla Mille Miglia.

Torna a giocare sulla varietà il numero di Ruoteclassiche in edicola. Dopo un fascicolo di giugno pressoché interamente dedicato ai settant’anni del marchio Porsche. Il “Test a test” è un curioso viaggio nel tempo tra la Lotus Super Seven del 1965 la Caterham del 2017.

Completano la sezione “Automobili” le “Impressioni” di due auto non molto conosciute. La Renault 4CV Sport del 1955 (con una simpatica coda sui dépliant originali dell’epoca) e la Fiat 127 Scout Fissore del 1976; tra i “pezzi unici” spazio alla Cisitalia-Porsche 360 Grand Prix del 1949. La “Classica domani” è la spettacolare Dallara Stradale.

1° luglio 1948. Moriva in pista, sul circuito di Berna, un grandissimo pilota degli anni eroici del motorismo sportivo, Achille Varzi. Ne ripercorriamo la storia umana e sportiva in un articolo di Giorgio Terruzzi.

Con l’affacciarsi dell’estate, lo Stivale è tutto un pullulare di eventi. Ne rivisitiamo i principali, a cominciare ovviamente del Concorso d’Eleganza Villa d’este, per proseguire poi con Il Bergamo Historic Gran Prix, la Land Rover Parade, il Salone Auto di Torino, il Jaguar Club a Volandia e il primo raduno Lawil a Varzi. Con una puntantina nella lontana Madeira, per un assolatissimo Classic Car Revival.

Tra le gare, occhi puntati sulla regolarità. In particolare su Modena Cento Ore, Corsa di Alcide, Mitteleuropean Race, Giro di Sicilia, Spa Classic e Targa AC Bologna.

Volete conoscere quali sono i dieci collezionisti di auto d’epoca più conosciuti e ricchi del mondo? E sapere se ci sono italiani nella speciale “top 100”: in due pagine vi diciamo chi sono e quali sono i pezzi più pregiati nelle loro collezioni. La sezione “Mercato” è appannaggio delle case d’asta italiane (Bolaffi e Pandolfini) e delll’allarme “vincolo” per le storiche…

Gli “Anni 2000”. Ricordiamo che allegato, a richiesta, al numero di luglio di Ruoteclassiche troverete l’ultimo volume della collana “Le auto che hanno fatto grande l’Italia”, dedicato agli anni 2000 (in edicola a 5,40 euro in più rispetto al prezzo della sola rivista).

Condividi
COMMENTI