Auto
12 May 2019 | di Alberto Amedeo Isidoro

Verona Legend Cars, l’invasione delle Fiat 500

Tra le auto in vendita, la Fiat 500 è tra le auto più diffuse in questa quinta edizione di Verona Legend Cars. Ecco le immagini di un grande classico che continua a far sognare anche i collezionisti stranieri.

Dal 1957 al 1975 ne hanno costruite più di cinque milioni. È l'auto storica più amata dagli italiani, nonché la più famosa all'estero. È un simbolo di design dal linguaggio universale, un pezzo fondamentale della nostra storia economica e industriale, un emblema del "miracolo economico" e della dolce vita. La Fiat 500 ha segnato un'epoca e, tutti noi, giovani e meno giovani, l'abbiamo avuta o almeno desiderata. Nei padiglioni di Verona Legend Cars ce ne sono a bizzeffe: le abbiamo raccolte nella gallery che vi proponiamo a corredo di questo articolo. Guardatele tutte, e fateci sapere con un commento quelle che vi sono piaciute di più.

Una gran bella offerta. L'offerta nell'area della mostra-scambio, dove venditori privati e commercianti del settore propongono in vendita le loro vetture, impressiona sia per quantità che per qualità. Quasi tutte le Fiat 500 che abbiamo individuato sono state restaurate molto bene e alcune in particolare, a giudicare dalla freschezza della vernice, anche recentemente.

Cercate una prima serie. I più tradizionalisti possono andare a colpo sicuro: tanti i modelli delle varie serie prodotti dalla Casa madre. Le più ricercate sono le 500 N, ovvero gli esemplari della primissima generazione, apprezzati per l'essenzialità del loro design e per la loro semplicità costruttiva, caratteristica propria anche dei modelli successivi.

Estro e sportività. Simpaticissime le versioni America, coi grandi fari applicati esternamente sul cofano anteriore e non inglobati nel musetto, e Albarella, una spiaggina coi sedili di vimini realizzata dalla carrozzeria Savio. Per chi è in cerca di emozioni forti, ci sono diverse Abarth in vendita, ma preparatevi a prezzi mediamente più alti rispetto ai valori di mercato standard.

Condividi
COMMENTI