Eventi / News
03 maggio 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

[Verona Legend Cars] Opel GT, la festa per i 50 anni è qui

La settimana di festeggiamenti per i cinquant'anni della Opel GT ha inizio. Prima tra Germania, Svizzera e Austria, dove da oggi al prossimo sabato cinque esemplari dell'iconica sportiva tedesca saranno impegnati nel rally storico Bodensee-Klassik, poi a Verona Legend Cars, dove per l'occasione sbarca in forze il Club Opel Fans Italy . 

Quando la prima Opel GT uscì dalle catene di montaggio, nel 1968, il richiamo alla Chevrolet Corvette apparve più che evidente. All'Opel Design Studio, il centro stile messo in piedi dalla General Motors nel 1962, Erhard Schnell viene incaricato di dare forma a una dream car dal gusto americano che avrebbe però dovuto tenere conto delle tendenze (e soprattutto delle esigenze) dettate dal mercato europeo.

L’intenzione del capo progetto Clare McKichan, appena arrivato dal Michigan, è quella di trasferire in Opel tutto il know-how di Detroit in tema di car design: il manager statunitense è convintissimo che anche gli automobilisti tedeschi, abituati ad associare la Casa del Fulmine a modelli "popolari", possano e debbano cominciare a sognare un'auto diversa.

Schnell lavora sulla nuova vettura a spizzichi e bocconi, nei ritagli di tempo, e in segreto - a Detroit il management non sa nulla. Da bozzetti, maquette e modelli nascerà la Experimental GT. La famosa linea “a bottiglia di Coca Cola” e la meccanica convenzionale (sospensioni della Kadett Rallye e motore 4 cilindri di 1,9 litri della Rekord), saranno anche le caratteristiche salienti della versione di serie.

Sabato 5 maggio, a partire dalle 09.00, una cinquantina di equipaggi invaderà pacificamente il padiglione 6 e il piazzale esterno della fiera. Protagoniste, oltre alla GT, altri modelli importanti nella storia del marchio, come Kadett, Rekord, Manta, Ascona, Kapitan e addirittura una Corsa SR. Se vi piacciono le Opel, o se semplicemente siete curiosi e volete saperne di più, l'appuntamento è da non perdere.

Condividi
COMMENTI