News
15 gennaio 2014 | di Redazione Ruoteclassiche

1974: la Volkswagen “Golf” firmata da Giorgio Giugiaro

Nata nel 1974 e firmata da Giorgio Giugiaro, la Volkswagen Golf ebbe un compito molto difficile sin dal suo esordio, raccogliere l'eredità del Maggiolino, un modello che, nato prima della guerra, si era via via evoluto sino a raggiungere una maturità e un successo planetari.

La nuova berlina di Wolfsburg era rivoluzionaria rispetto alla sua antenata, che inizialmente affiancò: motore anteriore trasversale raffreddato ad acqua, trazione anteriore, due o quattro porte con portellone, abitabilità eccellente, consumi ridotti.Il successo fu ben presto travolgente e dalla prima versione ne nacquero molte altre, tra cui la sportiva GTI del 1976 e la cabriolet del 1979.

Presentata in Italia nel giugno del 1974, ma commercializzata solo dopo l'estate, la Golf venne offerta in un primo tempo con due sole motorizzazioni, un 1100 da 60 CV Din e 140 km/h e un 1500 da 70 CV Din e 160 km/h. Gli allestimenti erano tre: normale, L e LS (quest'ultimo solo per la 1500), il cambio a quattro marce. Compatte le dimensioni esterne, con una lunghezza di 3,75 metri e una larghezza di 1,61 metri. La prima serie sarà prodotta fino al 1983 in 6.800.000 esemplari.

Condividi
COMMENTI