Aste
24 April 2020 | di Gilberto Milano

Aste online: Rm Sotheby’s ci riprova

Dopo il successo commerciale dell’asta online dello scorso marzo organizzata su due piedi causa Covid-19 (13,1 milioni di dollari di fatturato con una percentuale di venduto del 67%) la Casa anglo-canadese si prende più tempo e annuncia una nuova vendita solo online di vetture da collezione per fine maggio. Con un titolo beneaugurante: Driving into summer, guidando verso l’estate.

Purtroppo sono molti gli incanti in calendario che sono stati annullati a causa del Corona virus, e non tutte le grandi Case d’asta si sono fatte trovare pronte per trasferirsi per tempo sul digitale. Per RM Sotheby’s questa sarà la prima vera asta in assoluto a nascere direttamente sulla piattaforma dedicata all’online (quella precedente era stata inizialmente pensata per svolgersi dal vivo sul circuito di Palm Beach e poi di corsa trasferita sull’online).Visti comunque i risultati incoraggianti sarà interessante osservare se gli acquirenti continueranno a privilegiare questa forma di vendita. Sarà anche il primo vero test per il mercato, fermo da quando è scoppiata la pandemia del Covid-19, per saggiare quanto sia realmente alta la “fame” di auto da collezione in un momento così tragico per tutti.

Solo online. L’asta Driving into Summer presenterà oltre 80 vetture sperando che l’arrivo della bella stagione funga da incentivo per ricominciare a ripensare al mondo come era prima dell’arrivo del virus. Chi vorrà mettere in vendita la propria auto avrà tempo fino al 14 maggio per proporla a RM Sotheby’s mentre l’asta vera e propria si terrà nella settimana dal 21 al 28 maggio, unicamente con offerte online. Le vetture verranno aggiudicate a chi avrà sottoscritto l’offerta più alta entro i termini di tempo stabiliti per i vari lotti, che saranno pubblicati sul sito di RM Sotheby’s. L’elenco delle vetture sarà quindi definitivo solo dopo il 14 maggio, anche se la gran parte delle auto è già consultabile. Ogni auto offerta sulla piattaforma Online Only è presentata con numerose fotografie in modo da fornire un’idea completa delle condizioni del mezzo, anche delle parti eventualmente non in ottimo stato, e accompagnata da rapporti compilati dagli specialisti di RM Sotheby’s, oltre che dalle descrizioni del catalogo. Ove disponibili, ulteriori informazioni su ciascun lotto, come file storici, certificati di produzione, documentazione di restauro, fatture di servizio, manuali del proprietario e parti di accompagnamento possono essere visualizzati online una volta effettuato l'accesso, facendo clic sul pulsante ‘Visualizza file’ presente sulla pagina di ogni singolo lotto.

Speciali e specialissime. L’anticipazione più importante per ora riguarda una Ferrari F50 del 1995 certificata Ferrari Classiche, in colore Rosso Corsa e interno Nero con inserti in tessuto rosso a contrasto, con 5.400 km di percorrenza, la seconda di soli 349 esemplari costruiti per celebrare il 50° anniversario del marchio, nonché la vettura esposta nel settembre del 1995 al Motor Show di Francoforte. Sarà offerta con una stima di 2.500.000 - 2.750.000 dollari (pari a 2,3 – 2,5 milioni di euro) ben più bassa dei 3,22 milioni di dollari di un esemplare battuto all’asta in gennaio da Gooding&Co. Tra i pezzi di pregio in vendita anche una Ford GT del 2017, rifinita in Triple Yellow con strisce Lightning Blue, e 2.400 km percorsi fino a oggi. La stima è di 850.000 - 950.000 dollari, in linea con le quotazioni attuali. A seguire: una Ford GT Heritage del 2006, solo 343 esemplari prodotti (stima $ 330.000 - 360.000); una Ferrari Superamerica del 2005, una delle 559 costruite delle quali solo 170 destinate al Nord America ($ 250.000 - 300.000); una Porsche 911 Speedster del 1989 come nuova, con solo 41 miglia sul contachilometri ($ 225.000 - 250.000); un raro Ape Piaggio del 1978 del carrozziere milanese Pavesi allestito come elegante tender per trasporto persone dotato di citofono per comunicare con il conducente (stima $ 45.000 - $ 60.000) offerto senza riserva. Così come senza riserva sono offerte una Fiat 500 Jolly “spiaggina” del 1964, trasformata da Ghia sulla base di una Fiat 500 Giardiniera, completamente restaurata e con sedili in midollino, stimata tra i 35.000 e i 45.000 dollari; e una Autobianchi Bianchina Panoramica, completamente restaurata anche lei, in bicolore rosso su bianco, targa italiana e portapacchi con cestino da picnic come accessori (stimata 30.000 – 40.000 dollari). Qui il catalogo provvisorio dell’asta.

Condividi
COMMENTI