Allegati / News
20 January 2020 | di Redazione Ruoteclassiche

Buon compleanno Alfa!

Per festeggiare i 110 anni dell’Alfa Romeo Ruoteclassiche dedica alla Casa milanese una collana di sei volumi, allegati alla rivista da febbraio a luglio. Le vetture di serie, i prototipi, i modelli da competizione e i personaggi che hanno scandito questa lunga epopea.

Nel giugno del 1910 nasce dalle ceneri della filiale italiana della Darracq l’Anonima Lombarda Fabbrica Automobili, l’Alfa. Il compimento dei 110 anni diviene per Ruoteclassiche l’occasione per ripercorrere in sei volumi l’epopea di uno dei marchi automobilistici più amati dagli estimatori della meccanica raffinata e della guida sportiva. Una lunga avventura che vogliamo far rivivere ai lettori attraverso un racconto scandito da auto meravigliose e innovative, partorite dall’ingegno di uomini che, oltre ad avere capacità tecniche e creative eccezionali, hanno amato questo brand al di sopra di ogni cosa. Accanto ai modelli fondamentali che hanno delineato la storia del Biscione, narreremo le vicende aziendali, dando particolare enfasi ai profili dei dirigenti, dei progettisti, degli stilisti e dei piloti che con dedizione e coraggio hanno contribuito a forgiare la leggenda del Biscione.

Piano dell’opera. I primi tre volumi saranno incentrati sulle auto stradali (dal 1910 a oggi); il quarto capitolo descriverà le fuoriserie e i prototipi più importanti; il quinto analizzerà le vetture da corsa, mentre il sesto, e ultimo, racconterà i protagonisti che hanno scritto queste affascinanti vicende.

Dagli esordi agli anni 50. Il primo fascicolo della collana, allegato a Ruoteclassiche di febbraio, abbraccia un ampio arco temporale: dagli esordi prima della Grande Guerra fino al raggiungimento della dimensione di una media industria automobilistica nel periodo del boom economico. Cinquant’anni, dalla prima 24 HP alle Giulietta. Nelle oltre 140 pagine del volume si succedono oltre venti modelli, tra cui le 6C, una famiglia di vetture che con diverse cilindrate segnano la storia del Portello dagli anni Venti fino all’inizio degli anni Cinquanta, le 8C e le 1900, con le quali la Casa milanese passa dalla produzione pressoché artigianale a realtà industriale. Di ciascuno illustriamo la nascita e l’evoluzione, fornendo le caratteristiche tecniche, i numeri di produzione e una puntuale analisi dell’andamento sul mercato collezionistico. Il prezzo del fascicolo è di 5,40 euro in più rispetto a quello della sola rivista (5,50 euro).

Condividi
COMMENTI