Eventi
29 giugno 2018 | di Elisa Latella

Cinema in Centro, a Sassari protagoniste le auto dei film

A Sassari i film e le auto che in essi hanno avuto un ruolo da protagoniste sono in vetrina. Fino al 30 giugno andare a spasso per le vie del centro della città sarà come accomodarsi davanti al grande schermo.

Le scene dei film più amati saranno rappresentate nelle vetrine dei negozi. È "Cinema in Centro", manifestazione promossa da comune di Sassari con Camera di Commercio e Cityplex Moderno, in collaborazione con Confcommercio Nord Sardegna e Università di Sassari.

Duetto superstar. Nell'atrio della sede centrale dell'Università è stato riprodotto un set ispirato a "Il laureato" del 1967, interpretato da Anne Bancroft e Dustin Hoffman, che rende omaggio anche all'Alfa Romeo Spider, storica auto sportiva più nota al grande pubblico col nome di Duetto, universalmente conosciuta grazie anche all'apparizione nel film di Mike Nichols.

Il legame con l'auto. Ma cos’hanno in comune il cinema, le automobili e la Sardegna? Per i primi due elementi la risposta è facile: l’idea del movimento delle immagini, la velocità, lo sviluppo, quasi contemporaneo, tra le prime sperimentazioni alla fine dell’Ottocento e la rapida diffusione nei primi anni del Novecento. E la Sardegna, regione da sempre considerata sconnessa dal resto d'Italia? Beh, in quel periodo anche la Sardegna riservava sorprese. Nel 1903 la prima automobile, una vettura Vermorel, sbarcava in Sardegna, anche se nessuno sapeva guidarla.

La macchina del contadino. Era stata vinta in un sorteggio da Efisio Manunza, un agricoltore di Sestu, borgo nei dintorni di Cagliari, abbonato alla rivista “Il Coltivatore”, che, per incentivare le vendite, aveva messo in palio fra tutti i suoi abbonati questa automobile. L’autovettura Vermorel Type 2 sbarca a Cagliari, dove nessuno ha la patente. Così viene trainata dai buoi per giungere nella località di Sestu, vicino Cagliari, dove si trova ancora oggi.

Il primo film. Cinque mesi dopo, il 15 luglio 1903, il giro di battesimo per le strade di Cagliari. Appena tredici anni dopo, viene girato il primo film in Sardegna. Siamo ancora negli anni del cinema muto, e "Cenere", tratta da un romanzo di Grazia Deledda, è una pellicola diretta e interpretata da Febo Mari. Qui reciterà, per l’unica volta nel cinema, la notissima attrice di teatro Eleonora Duse.

Il grande ritorno. A distanza di un secolo, cinema, auto e Sardegna tornano a fondersi insieme: all'iniziativa "Cinema in Centro", battezzata dal regista sassarese Antonello Grimaldi, attuale presidente della Film Commission regionale, hanno aderito 67 commercianti che hanno addobbato le loro vetrine ispirandosi ai loro film preferiti. La migliore vetrina, votata dal pubblico, sarà premiata al Cityplex Moderno il 7 luglio, dove verrà proiettato il film che ha ispirato l'allestimento vincente.

Il valore della memoria. Fino al 30 giugno, negli spazi del Cityplex Moderno, in viale Umberto, si potrà visitare una mostra fotografica con gli scatti storici delle vetrine realizzate dal commerciante Lucio Nali nel 1952. Proprio a Nali e Nino Bagella è ispirata l'intera manifestazione: nel 1952 vinsero con la loro vetrina il concorso internazionale della Mgm "Leo Windows". Un altro, drammatico evento lega simbolicamente la Sardegna, il cinema e i mezzi di trasporto: la tragica scomparsa di Lucio Nali, che morì precipitando nell'oceano con un volo premio che lo stava portando a Hollywood.

TAGS cinema
Condividi
COMMENTI