News
21 January 2019 | di Laura Ferriccioli

Saulius Karosas, addio al principe delle anteguerra

Al termine di un'implacabile malattia si è spento il 16 gennaio Saulius Karosas, uno dei più grandi appassionati di auto storiche del pianeta. Con la sua eccezionale collezione di anteguerra ha contribuito notevolmente a preservare il patrimonio automobilistico mondiale.

Poco meno di un anno fa Saulius Karosas aveva appena ultimato il lavoro di restauro di una spettacolare Mercedes-Benz 500 K Cabriolet del 1935 che ha presentato a RetroClassics Stuttgart 2018 insieme a una cinquantina di altre anteguerra di grande eleganza. L'esposizione arrivava ad occupare un terzo del padiglione 10: dentro, nello stand, c’erano anche un grande bar a forma di sfera con tavoli e salottini, e un palcoscenico per talk-show e presentazioni. Tutto intorno, l’imponente allineamento di automobili di grande pregio della sua SK Collection – che riunisce capolavori dell'automobilismo per lo più dagli anni Dieci ai Quaranta – spiccava tra le maggiori attrazioni della fiera. In mostra, tra i tanti pezzi d'eccezione, c'era anche la Bentley Sport Cabriolet del 1938, appartenuta al barone Harold von Oppenheim, che l'imprenditore lituano – scomparso a soli 60 anni – ha poi portato in concorso a Villa d'Este.

Alta artigianalità prussiana. La vettura è carrozzata Erdmann & Rossi, una firma senza dubbio tra le più grandi passioni del collezionista, che ne paragonava il lavoro a quello di raffinati gioiellieri. Fondata nel 1897 a Berlino, la carrozzeria ha chiuso i battenti a causa della Seconda Guerra Mondiale ma è rimasta funzionante fino al 2003 come officina specializzata in creazioni esclusive. “Mi piacerebbe trovare più auto in vendita di Erdmann & Rossi. Mentre invece sono tutte collocate all'interno di raccolte private e non presenti sul mercato”, sosteneva Karosas, che è stato con grande probabilità il più grande esperto al mondo del lavoro dell'azienda. Oltre alle già citate Mercedes-Banz e Bentley, la SK Collection comprende altri otto esemplari realizzati da Erdmann & Rossi quali una Rolls Royce Wraith del 1939; una Mercedes-Benz 630K del 1929, una Mercedes-Benz 380 Special Roadster (1933); una Horch 853 Sport Coupé Manuela del 1937 appartenuta al pilota tedesco Bernd Rosemeyer, un'Audi 920 Cabriolet del 1939; una Bentley Coupé 4.2 del 1937 e una Maybach SW38 Cabriolet del 1937.

Un caleidoscopio d'eleganza e ricercatezza. La SK Collection non è una sola collezione ma tante insieme. Con sei rari esemplari Horch costruiti dal 1931 al 1939, la sezione che Karosas ha dedicato alle automobili del geniale ingegnere tedesco August Horch è unica al mondo: ne è convinto anche Patrick Rollet, presidente Fiva-Fédération Internatonale Véhicules Anciens, che nel testo introduttivo al catalogo della Collezione mostra altrettanto entusiasmo per la parte di SK Collection in cui sono riunite automobili dell'ex Unione Sovietica. Ad esempio, la prima vettura di lusso realizzata in serie sotto il regime di Stalin, la limousine a sei posti ZiS-101 del 1938. Altro genere che compone la collezione di Saulius Karosas è poi quello delle Microcar, mentre non mancano meraviglie come una Lancia Astura Cabriolet Pinin Farina del 1937, una Hispano-Suiza H6B Torpedo del 1924, una Rolls Royce Phantom II Cabriolet Murphy del 1931 e una Bugatti 57 Galibier del 1935. Ancora, esemplari Minerva, Adler, Packard, BMW e Röhr.

L'officina della Collezione. Saulius Karosas usava comprare le vetture e farle sistemare nel centro di restauro creato da lui appositamente nel 2000 a Vilnius, dopo l'acquisto del suo primo pezzo da collezione nel 1988. Nell'officina lavorano oggi 19 maestranze specializzate, con il supporto di una monumentale quantità di libri e documenti sui modelli. Ingegnere meccanico, Karosas aveva mostrato sin da ragazzino una naturale inclinazione per le automobili. A 13 anni si dava già da fare in un'officina meccanica e, grazie a un modo di lavorare particolarmente accurato, si è presto guadagnato un posto tra i tecnici del circuito della Repubblica Lituana e dell'URSS. Insieme a meccanici d'esperienza si è ritrovato anche nel team del campione lituano Vikis Oleka.

Una cenerentola a quattro ruote. Il suo primo acquisto di una vettura d’epoca, nel 1985, è avvenuto tuttavia con una motivazione ancora lontana dal collezionismo. Una Mercedes-Benz 500K Compressor, permutata in un angolo sperduto della Russia con una Volga GAZ 24, ha dato piuttosto una grossa mano alla buona sorte facendosi trovare al momento giusto e fornendo la scintilla dalla quale l'intera attività professionale del magante del petrolio ha avuto inizio. Grazie a questa Cenerentola restaurata poi da un esperto lituano, Karosas si è potuto trasferire negli Stati Uniti, nel 1986, per fondare la prima delle sue fortunate aziende. A quel tempo, infatti, era proibito esportare proprietà di valore dall'URSS ma non auto storiche: così, la vendita della Mercedes al di là dell'Atlantico ha generato il capitale per la sua start-up. E indovinate chi aveva costruito la carrozzeria? Già, proprio Erdmann & Rossi. Un nome destinato a rimanere a lungo nel cuore del grande appassionato.

Condividi
COMMENTI