Eventi
13 novembre 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Milano AutoClassica, in fiera le Porsche più rare

Dal 23 al 25 novembre alla Fiera di Milano gli appassionati potranno ammirare alcuni dei modelli più esclusivi costruiti dalla Casa di Zuffenhausen. Scopriamoli insieme.

La Lounge della kermesse meneghina offrirà al pubblico un parterre da far tremare i polsi: in esposizione nei padiglioni della fiera dieci modelli Porsche iconici, vetture piuttosto rare persino nelle sale dei musei più prestigiosi del mondo e sulle strade delle più importanti rievocazioni storiche internazionali. Una rassegna che, insomma, siamo certi saprà soddisfare anche i palati più fini e susciterà la curiosità e l'attenzione del pubblico più esperto e smaliziato.

Pietre miliari. Milano AutoClassica offrirà una serie di modelli che hanno scritto pagine importanti nella storia del marchio di Zuffenhausen. Vetture appartenenti a collezioni private che, eccezionalmente, in occasione della rassegna meneghina, saranno sotto i riflettori nel prossimo weekend al polo fieristico di Rho. Insieme alle versioni Carrera del modello 356, il modello basato sulla Volkswagen Maggiolino che ha dato inizio all'epopea Porsche, ci saranno diversi esemplari della famiglia delle 911 raffreddate ad aria da competizione.

Le tre super star. Le tre vedette Porsche alla Fiera di Milano saranno un'esemplare di 906 (modello che prese il posto della 904 e che, grazie al motore 6 cilindri boxer 2 litri da 220 CV unito a un peso piuma, era in grado di raggiungere una velocità massima di 280 km/h), una 550 RS Spyder (barchetta forte di un invidiabile rapporto peso-potenza, 550 chili per 110 cavalli: era soprannominata "giant killer" perché abituata a "dare la paga" ad auto di cilindrata a volte anche molto superiore) e una Porsche 918 (ultima auto super sportiva realizzata dalla Casa di Zuffenhausen). La selezione è stata curata da Paolo Olivieri, Classic Car Advisor, con il supporto di un team di specialisti del marchio tedesco coordinati da Alberto Gatto e Francesco Cattaneo.

Condividi
COMMENTI