Eventi
07 novembre 2018 | di Alberto Amedeo Isidoro

Reggio Calabria-Lubecca: il nostro raid con la Montreal [video]

Come sono 2400 chilometri no-stop al volante di un'Alfa Romeo Montreal? Quattroruote lo raccontò ai lettori nel resoconto di un avventuroso raid da Reggio Calabria a Lubecca, ben 46 anni fa. Ruoteclassiche oggi ha ripetuto l'impresa. Ecco il video che racconta com'è andata.

Ad Auto e Moto d'Epoca di Padova è stata esposta per tutto il corso della fiera al nostro stand, attirando l'attenzione di grandi e piccini e risvegliando la curiosità degli appassionati. Stiamo parlando dell'Alfa Romeo Montreal rossa del lettore Guido Ganassin, che coi colori di Ruoteclassiche ha ripetuto la cavalcata Reggio Calabria-Lubecca, compiuta 46 anni fa da Quattroruote.

Una cavalcata trionfale. Scortata da una Stelvio Quadrifoglio, la coupé del Biscione è partita da Reggio Calabria alle 19.25 dello scorso 27 settembre ed è è arrivata a Lubecca dopo 28 ore e 51 minuti. I 2387 chilometri complessivi sono stati percorsi impiegando qualche ora in più rispetto al tempo fatto segnare da Quattroruote 46 anni fa, appena 21 ore, un "record" all'epoca reso possibile dall'assenza dei limiti di velocità sulle autostrade (e anche, va detto, da una certa indulgenza della polizia austriaca). Nel 2018 i duecento all'ora si sono potuti tenere solo su alcuni tratti di qualche autobahn tedesca e, considerata la naturale apprensione del proprietario (che si è alternato alla guida con l'amico Alessandro Campisi, con Mauro Moro, presidente dell'associazione Officina Classica, e con Marco Di Pietro, giornalista di Ruoteclassiche), sono stati mantenuti solo per brevissimi tratti.

Tutti i dettagli sul giornale. Il resoconto dettagliato di com'è andato il viaggio, di come si è comportata l'Alfa Romeo Montreal calata nel traffico del 2018 e le emozioni vissute dal nostro equipaggio le trovate nel servizio su Ruoteclassiche di novembre. Non sono mancate le sorprese, come potete immaginare... Ma non vogliamo rovinarvi il piacere di leggere il reportage sulla rivista.

Condividi
COMMENTI