Regolarità
24 gennaio 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Regolarità 2018, tante le novità

Il via del Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche 2018 sarà il 24 febbraio, con la 25a edizione della Coppa Città della Pace, prima gara del girone Nord, dopo il rinvio, causa maltempo, della Coppa dei Lupi, tradizionale gara di apertura della stagione. Le novità vanno però ben oltre la gara di apertura, eccole in sintesi.

I campionati diventano 5. Oltre ai noti Campionato Italiano Regolarità Autostoriche (Cireas) e Campionato Italiano Grandi Eventi, si affiancano il Campionato Italiano Regolarità Media, il Superclassiche Cup e il Trofeo Nazionale Regolarità.

Si riparte da zero con la media. Requisito per rientrare nella classifica del Cireas è la partecipazione alle solite 6 gare, anche se i gironi diventano tre: Nord, Centro e Sud. Per accedere alla classifica Conduttori Prioritari sarà sufficiente partecipare a 3 gare. Se nel corso dell’anno però la media delle gare effettuate si andrà a sommare a quella finale del 2017, a fine campionato si terranno buoni solo i 3 punteggi migliori, gli unici validi ai fini della media finale.

Con una penalità di “300” la gara continua. Le penalità, di ritardo o anticipo sul tempo imposto, sopra i 299 centesimi non saranno tenute in considerazione ai fini del calcolo della propria media, ma solo per la classifica finale di gara. La novità potrebbe ridurre i ritiri di quanti desiderino salguardare la propria media, ma anche tagliare le lungaggini post gara dovute alle verifiche dei tempi e i comportamenti antisportivi potenzialmente capaci di influenzare il campionato.

Il ruolo del navigatore. Il roadbook sarà consegnato ai concorrenti non prima di 90 minuti dalla partenza della gara, quando questa preveda un percorso non superiore ai 350 km (praticamente tutte quelle Cireas). Sarà così impossibile effettuare ricognizioni del percorso o simulazioni delle prove cronometrate, norma peraltro già prevista dal regolamento 2017, ma ampiamente disattesa. Ne guadagnerà sicuramente il ruolo del navigatore.

Campionato Italiano Grandi Eventi. La seconda edizione del Cige passa da tre a quattro gare. Confermate le già note Coppa d’Oro delle Dolomiti (19-22 luglio), il Gran Premio Nuvolari (13-16 settembre) e la Targa Florio (4-7 ottobre), mentre c’è una new entry: la Coppa delle Alpi (4-9 dicembre).

Campionato Italiano Regolarità Media. La vera novità è il campionato dedicato alla regolarità a media, che si svilupperà su sei gare: rally di Varese, Sanremo, Campagnolo, Targa Florio, Biella ed Elba. Sei gare a media che seguono lo svolgimento del rally storico, ovviamente su strade chiuse, in pratica due performance nello stesso fine settimana.

Superclassiche Cup. Nuovo anche il Trofeo Superclassiche, che comprende WinteRace (1-3 marzo), Coppa Milano-Sanremo (22-24 marzo), Terre di Canossa (19-22 aprile), Mitteleuropean Race (1-3 giugno), Corsa di Alcide (8-10 giugno), Summer Marathon (15-17 giugno) e Rievocazione Storica della Stella Alpina (6-8 luglio). Per ciascuna di queste gare sono previste un minimo di 6 prove di media, che andranno a stilare una classifica a parte, premiata sia alla fine di ciascuna manifestazione sia a fine anno.

La qualifica di Top. Nuovo anche il Trofeo Nazionale Regolarità, riservato a tutti i conduttori a esclusione dei Top Driver. Requisito per parteciparvi, la partecipazione a sei gare, due turistiche, con coefficiente 1, due nazionali con coefficiente 1,5 e due Cireas con coefficiente 2, il tutto per ciascun girone. Il primo classificato assoluto e la prima classificata femminile di ogni girone si guadagneranno il  passaggio diretto a Top Driver per l’anno successivo.

Himara Bottini

Condividi
COMMENTI